90enne al volante investe e uccide una donna: non è colpa della 600 d'epoca

26 febbraio 2016 ore 16:53, Lucia Bigozzi
Una volta impazzava il vecchio detto “donna al volante, pericolo costante”. Oggi i tempi sono cambiati, le donne fortunatamente sono al pari degli uomini (o abbastanza vicino), anche in fatto di sicurezza stradale. Ironia a parte, qui la storia si tinge del colore nero, perché c’è di mezzo una vittima, una Fiat 600 d’epoca e un novantenne. E’ accaduto a Genova. Secondo la ricostruzione degli inquirenti che si stanno occupando del caso, il nonno avrebbe investito e ucciso una donna di 61 anni mentre attraversava la strada. 

90enne al volante investe e uccide una donna: non è colpa della 600 d'epoca
Dopo l’impatto, il pensionato si è subito fermato per soccorrere la donna, una ecuadoriana. Proprio lui, avrebbe raccontato agli investigatori di essersi trovato davanti all’improvviso la donna, sbucata sulla strada da dietro i cassonetti che costeggiavano la corsia. Saranno i rilievi di legge a ricostruire dinamica e cause dell’incidente, ma intanto per il novantenne con la passione delle auto d’epoca è scattata l’indagine con l’accusa di omicidio colposo. E possiamo intuire lo stato d'animo. Sottoposto all’alcol test, l’anziano è risultato negativo e la sua patente è risultata valida. Nell’urto, la donna avrebbe riportato un grave trauma cranico. Trasferita all’ospedale San Martino, è morta poco dopo il ricovero. 
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]