I 5 libri che non possono mancare sotto l’ombrellone

26 giugno 2015, Andrea Barcariol
I 5 libri che non possono mancare sotto l’ombrellone
1) La giostra degli scambi – Andrea Camilleri

Torna Andrea Camilleri con il suo personaggio più amato, il commissario Montalbano questa volta alle prese con misteriosi sequestri e una storia di vendette e gelosia. Toccherà a lui, insieme ai fedeli Fazio e Augello, risolvere un duplice omicidio superando ostacoli e false piste, combattendo anche contro un ostico avversario: la vecchiaia

2) Prendimi -  Lisa Gardner
Per molti è il giallo dell’estate, Lisa Gardner si conferma una delle migliori scrittrici del settore, i suoi thriller, infatti, scalano immancabilmente tutte le classifiche americane. La protagonista D.D. Warren, detective della polizia di Boston, bella e fanatica ma in grado di risolvere casi impossibili. Questa volte avrà solohttp://www.intelligonews.it/Admin/intelligonews/Article.aspx 82 ore per affrontare una situazione drammatica, sullo sfondo della pedofilia.

3) La scatola nera – Micheal Connely
Connelly torna a puntare su uno dei suoi personaggi più riusciti, il detective Harry Bosh, comparso per la prima volta nel 1992, alle prese questa volta con inquietudini personali e lavorative. Dal passato riemerge un caso che aveva già affrontato vent'anni prima, all'epoca dei disordini scoppiati a Los Angeles dopo il pestaggio di Rodney King da parte della polizia. Un caso che avrà nuovi e imprevisti sviluppi…

4) Roma Barzotta – Davide Desario
Vizi e virtù di Roma e dei romani, messi nero su bianco e analizzati con ironia da Davide Desario, giornalista del Messaggero, attento osservatore di una città in continua trasformazione e unica per tanti aspetti, sia nel bene sia nel male. Una serie di piccoli racconti che fanno sorridere, riflettere e anche commuovere, imperdibile non solo per chi ama la città eterna.

5) La piuma – Giorgio Faletti
A quasi un anno di distanza dalla sua morte arriva in libreria l’ultima opera di Giorgio Faletti. Una piuma che volteggia nell’aria, stile Forrest Gump, ci porta alla scoperta delle bassezze degli uomini per comprendere, attraverso un semplice sguardo, il senso profondo delle cose. Un racconto limpido, 96 pagine di puro candore, illustrate dallo scenografo e amico Paolo Fresu.

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]