Cannabis, Crepet su legalizzazione: "Chi fa mio mestiere ha visto molti ragazzi usciti di testa per uno ‘spinello'"

26 maggio 2016 ore 16:16, Lucia Bigozzi
“La vera liberalizzazione è la fabbrica statale di spinelli, dove tutto è controllato e commercializzato dallo Stato: il resto è ridicolo. Cosa si liberalizza? La marijuana è un taglio e dentro c’è di tutto…”. Analisi impietosa che Paolo Crepet, psichiatra, articola nella conversazione con Intelligonews commentando l’annuncio del sottosegretario Della Vedova sulla liberalizzazione della cannabis entro l’estate. Con un messaggio inquietante sul modello di società futura… 

Il governo ha annunciato la legalizzazione della cannabis entro il 2016. Considerando anche l’escalation dell’uso di droghe registrata a Roma, come la valuta: atto necessario per togliere il business alla mafia o atto pericoloso per la salute dei ragazzi?

"La mafia non si giova del commercio di marijuana, commercia ben altro: cocaina, eroina, droghe di sintesi, cioè cose che danno molti soldi. Non è che se uno dà la marijuana, la mafia va in rosso. Ma la domanda è: cosa si liberalizza? Io non lo so e non lo sa neanche il governo: cosa fa, va alle 3 di notte a Campo dei Fiori per vedere cosa si liberalizza?"

Cannabis, Crepet su legalizzazione: 'Chi fa mio mestiere ha visto molti ragazzi usciti di testa per uno ‘spinello''
Come scelta in sé del governo come la valuta?

"Se uno mi dice liberalizziamo la Coca Cola dico, benissimo perché so che cosa è. Se uno dice liberalizziamo la marijuana penso che o fa finta di non capire o non sa legiferare. La marijuana, infatti, è un taglio e dentro c’è di tutto: non possiamo inseguire il marocchino su Ponte Sisto e vedere cosa dà, trattandosi poi di mercato clandestino che resterebbe tale, perché spero non si voglia liberalizzare l’hashish che è altra cosa dalla marijuana e l’escalation di comportamenti violenti per uso droghe che lei evocava probabilmente sono legati a questa sostanza. Se lo Stato mette su campi dove sceglie il tipo di marijuana da coltivare, con l’agricoltore statale e tutta la filiera produttiva super-controllata e certificata allora quella si chiama liberalizzazione. Altrimenti, è pura presa in giro da parte di ex 'accannati'"…

Ha un messaggio per i liberalizzatori?

"Non è una sigaretta, gli effetti indesiderati del fumo sono tanti. Chi fa il mio mestiere ha visto anche molti ragazzi che per uno ‘spinello’ sono usciti di testa; chi fa il mio mestiere sa che il fumo contiene una sostanza che fa emergere un nucleo psicotico che c’è perchè disinibisce e disinibendo porta a galla un problema che c’è: quindi il fumo può essere anche molto pericoloso dal punto di vista psicologico. Seconda cosa: non sappiamo cosa si liberalizza. Terza cosa: vorrei capire se questa liberalizzazione è da 0 a 90 anni; perché vorrei capire se questa ideona riguarda anche i minori che sono la magna pars di quelli interessati e questo a me fa inorridire. 

Il governo mostra un’impronta sempre più radicale di massa: dalle unioni civili alla depenalizzazioni fino alle "canne legali": che modello di società è o rischia di diventare?

"Non vorrei fare di tutta l’erba un fascio: mettere insieme due che vogliono convivere con uno spinello è come mettere insieme le pere e le mele. In generale, l’idea di deregolamentare il mondo è tendenza che vedo molto forte in questo Paese, quanto totalmente scriteriata e i risultati si vedono nell'educazione. Tutti dicono depenalizziamo qua e là facendo finta che sia un modo per combattere la mafia che invece va combattuta arrestando Matteo Messina Denaro. Se lo Stato non ha le palle per prendere il capo dei capi, allora è uno Stato di ricotta che fa finta di sconfiggere la mafia pensando che faccia i miliardi con lo spinello di pura marijuana. Se noi dobbiamo dire ai nostri figli fate quello che volete perché tanto siamo messi così, io dico: prego, accomodatevi pure. Dopodichè avremo una futura generazione che spero di non vedere essendo abbastanza avanti con l’età; ovvero una generazione di rammolliti e di deficienti perché cresceranno dei deficienti totali… poi chi governerà questo Paese non lo so… ". 

autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]