Blog basic e anonimo, Telegram lancia Telefraph per il decollo

26 novembre 2016 ore 16:09, Micaela Del Monte
I social network sono destinati a continuare ad evolversi all'infinito. Così come Facebook Messenger e Whatsapp infatti anche Telegram è costretto ad evolversi per tenere il passo dei suoi vari rivali ed ecco perché lancia Telegraph e Istant article. Come scrive ImprontaUnika.it, non più solo messaggi, GIF, stickers e bot, per Telegram è arrivato il momento di puntare a qualcosa che lanci l’applicazione ma anche per avvicinarsi sempre di più a quello che è un vero e proprio social network dove gli utenti possono pubblicare e condividere articoli propri.

Blog basic e anonimo, Telegram lancia Telefraph per il decollo
L’annuncio delle nuove funzionalità arriva direttamente dal blog dell’applicazione: “Incontra Instant, un modo elegante per visualizzare i tuoi articoli con tempo di caricamento nullo“. Oltre alla novità identica ad Istant Article di Facebook, la vera novità riguarda Telegraph. Telegraph è la più semplice piattaforma di blogging che esista. È possibile, collegandosi al sito telegra.ph, scrivere un articolo su ciò che si vuole inserendo anche immagini, link esterni, grassetto, virgolette e poco altro. Tra le altre novità la possibilità di fare una ricerca per data all’interno di una chat, nuovi sticker, gruppi in comune e altre funzionalità per migliorare l’esperienza con l’app di messaggistica che da poco ha festeggiato i 100 milioni di utenti. Ed è forse questo il vero limite di Telegram, la scarsa diffusione nonostante sia stata la prima, almeno prima di Whatsapp, ad introdurre la crittografia, un’interfaccia web semplice da attivare e utilizzare e tanto altro.

Chiunque voglia esporre le proprie idee, le proprie considerazioni ed il proprio pensiero può farlo in totale libertà attraverso l’indirizzo internet di riferimento che conduce al servizio Telegraph di Telegram. Interfaccia, come si può vedere, davvero molto minimalista, forse anche troppo, ma davvero aperta ad ogni tipo di idea. Fondamentalmente, una semplicistica pagina bianca di un word processor con criteri base per la formattazione del testo e le sue dimensioni, aggiunta di eventuali link di riferimento, immagini e video dai portali di riferimento di Youtube e Vimeo.

Nessun account, nessun limite di lunghezza vengono richiesti a tutti coloro che desiderano dare una voce ai propri pensieri ed alle proprie ideologie su una vastità di argomenti a libera discrezione di chi si prodiga alla stesura. Accedi al sito, scrivi, dai un titolo al pezzo e fai click/tap su publish. Semplice, veloce ed immediato. Tutto viene condiviso online senza richiedere dati ed informazioni riconducibili all’utente, il quale può anche omettere il suo nome reale utilizzando uno pseudonimo per popolare il campo Nome. 

L’unico requisito per poter utilizzare il servizio è quello di abilitare e mantenere attivi i cookie di riconoscimento sul device dal quale ha avuto luogo la pubblicazione del contenuto Telegraph senza cui, inoltre, non sarà possibile ottenere l’editing stesso.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]