Umbria, la prima Regione contro la mosca dell'olivo: l'attacco software

26 ottobre 2015, Americo Mascarucci
Umbria, la prima Regione contro la mosca dell'olivo: l'attacco software
E’ tempo di raccolta delle olive e torna l’allarme “mosca olearia” il parassita che danneggia la qualità del prodotto rovinando spesso il lavoro di tanti agricoltori. 

La Regione Umbria ha quindi deciso di dichiarare guerra al parassita sfruttando i moderni strumenti della tecnologia e puntando soprattutto sulla prevenzione. L’Assessorato Agricoltura della Regione Umbria ha annunciato la realizzazione di un programma di monitoraggio della mosca dell’olivo su tutto il territorio regionale attraverso applicativi software di ultima generazione. 

Il servizio, tramite portale web, darà indicazioni agli operatori sulla presenza del parassita e su modalità e tempi più idonei per intervenire grazie a bollettini fitosanitari e ad una piattaforma basata sul sistema “Agricolus”, sviluppato nell’ambito del programma “SpeedUp Europe”.

Sarà sufficiente collegarsi al sito http://regioneumbria.agricolus.com e scaricare la App per permettere all'utente registrato di ricevere una informazione immediata legata al luogo, visto che il sistema terrà conto della collocazione geografica.

La  società ‘TeamDev’ per conto dell’Unione Europea, sta sviluppando la piattaforma informatica "Oliwes" nell’ambito del programma “Future Internet Enabled Agricultural Applications”. 

Pertanto la Regione Umbria ha ripreso il progetto calandolo nella realtà locale affinché possa servire agli agricoltori per contrastare nel migliore dei modi l’aggressione del pericoloso parassita. 

“Oliwes – spiega il dirigente del servizio regionale umbro Giuliano Polenzani – è una piattaforma per il monitoraggio della mosca dell’olivo con cui vengono allertati gli agricoltori al primo insorgere della fitopatia. Il programma permette un campionamento della mosca per singoli territori sulla base di un sistema informativo geografico basato su Cloud Computing”.  

In pratica il progetto si sviluppa in questa maniera; delle apposite trappole  distribuite sul territorio verificheranno la presenza della mosca e i dati sullo sviluppo dell’insetto verranno inseriti nel sistema grazie a una App dedicata o attraverso un sito web. Gli agricoltori avranno così l'opportunità di essere informati in tempo reale sulla presenza del parassita e sulla metodologia migliore per combatterlo.

Attraverso questo nuovo sistema si spera così di mettere al sicuro i raccolti prima che sia troppo tardi.



caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]