Canone Rai più basso dal 2017: come pagare con F24 entro il 31 ottobre

26 ottobre 2016 ore 16:19, Americo Mascarucci
Una delle novità incluse nella Legge di Bilancio 2017, approvata dal Consiglio dei Ministri il 15 ottobre, riguarda anche il Canone Rai che subirà una diminuzione del 10% e, pertanto, scenderà da 100 a 90 euro. 
Un ribasso, quindi, del 10% che verrà applicato nelle prime 10 bollette a partire dal nuovo anno, ovvero nel periodo compreso tra gennaio ed ottobre 2017, diversamente da quanto accaduto nel 2016 in cui la tassa sull'abbonamento Tv è stata applicata a partire da luglio, costringendo il cittadino a dover saldare in un'unica soluzione 70 euro. 
Le modalità di pagamento, invece, restano invariate: l’importo del canone verrà addebitato sulle bollette dell’energia elettrica e, pertanto, oltre all'importo dovuto per la fornitura dell’elettricità, vi sarà un costo mensile aggiuntivo di 9 euro per 10 mesi o di 18 euro per 5 mesi qualora la bolletta verrà inviata con cadenza bimestrale.
Intanto scadrà il 31 ottobre il termine per pagare il canone Rai tramite F24: la scadenza riguarda tutti coloro  che non sono intestatari di un contratto di fornitura elettrica ma possiedono un televisore, quelli che risiedono in alcune isole non interconnesse con la rete elettrica nazionale e coloro a cui il canone in bolletta è stato addebitato solo parzialmente. 

Canone Rai più basso dal 2017: come pagare con F24 entro il 31 ottobre
Per l'anno 2016 l'importo complessivamente dovuto è pari a 100 euro e deve essere versato entro il 31 ottobre 2016, utilizzando il modello F24. 
I codici tributo da inserire nel modello, utilizzabili a partire dal 1° settembre 2016, sono: "TVRI" (per rinnovo abbonamento) o "TVNA" (per nuovo abbonamento).
 I codici sono esposti nella sezione "Erario", esclusivamente nella colonna "importi a debito versati", con l'indicazione nel campo "anno di riferimento" dell'anno cui si riferisce il pagamento del canone (2016). 
Il pagamento dell’importo dovuto deve essere effettuato in unica soluzione entro il 31 ottobre usufruendo delle modalità telematiche, ovvero dei servizi F24 web o F24 online attraverso i canali Fisconline o Entratel o servizi di internet banking o remote banking, o presentando il modello cartaceo presso banche, Poste italiane o agenti della riscossione, se non si è titolari di partita IVA e le somme da versare non superano i mille euro e non vengono utilizzati crediti in compensazione. 

 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]