Assegno di ricollocazione, per disoccupati fino a 5000 euro. Come funziona

26 settembre 2016 ore 15:31, Americo Mascarucci
Un bonus dai mille ai cinquemila euro per aiutare i disoccupati a ricollocarsi nel mondo del lavoro.
E' il sistema pensato dal governo per risolvere il problema di chi è rimasto senza occupazione. 
Non si tratta di un assegno di disoccupazione vero e proprio ma di un bonus che i disoccupati potranno spendere presso le agenzie di lavoro per ricollocarsi e trovare nuova occupazione.
Gli importi saranno variabili a seconda delle difficoltà, delle figure professionali richieste e delle qualifiche. 
Più alto il bonus più le persone saranno meno qualificate e quindi difficili da collocare. Rientreranno nella sperimentazione del bonus lavoro da 5000 euro circa 20.000 disoccupati.
Per averne diritto è necessario iscriversi al ”portale unico registrazione persone in cerca di lavoro” e comunicare di essere disoccupati e disponibili a un lavoro e alle iniziative dei Servizi per l’Impiego (possibile anticipare i tempi per accelerare la procedura di domanda, registrandosi in pendenza del periodo di preavviso). La domanda si indennità di disoccupazione Naspi, Asdi o Dis Coll vale come dichiarazione immediata di disponibilità.
I primi destinatari della sperimentazione nei prossimi mesi saranno quei disoccupati con almeno 4 mesi di Naspi. 
In questa fase sperimentale l’assegno di ricollocazione, che dovrebbe andare a regime l’anno prossimo, sarà riconosciuto a una platea ristretta di 10mila disoccupati, come precedentemente ricordato, i quali saranno incentivati a usufruirne presso gli uffici di collocamento: nel caso l’assegno non venisse sfruttato, verrà decurtata una parte della Naspi, ossia del sussidio di disoccupazione istituito dal Jobs Act. 

Assegno di ricollocazione, per disoccupati fino a 5000 euro. Come funziona
I beneficiari, estratti a sorte fra gli iscritti all’Anpal che abbiano già riscosso almeno 4 mesi di Naspi, riceveranno un buono da mille a 5mila euro spendibile presso gli uffici dell’impiego o agenzie private; in quest’ultimo caso il buono erogherà l’intera somma all’agenzia che riesca, tramite la valorizzazione del candidato, a procurare un nuovo contratto di lavoro a tempo indeterminato. 
Nel caso, invece, di nuovo contratto temporaneo verrà erogata metà della somma, e, in ogni caso, verranno rimborsate all’agenzia tutte le spese sostenute per i colloqui. 
Lo scopo dell’assegno di ricollocazione è quella di ottimizzare le risorse pubbliche non già per offrire al disoccupato un sostegno economico che potrebbe essere speso in qualsiasi maniera, bensì per pilotarlo saldamente verso un nuovo impiego. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]