Isis, sindaco di Londra choc: "Introdurre presunzione di colpevolezza"

27 agosto 2014 ore 15:09, Andrea De Angelis
Il sindaco di Londra Boris Johnson, scrivendo nella sua rubrica settimanale sul Daily Telegraph, ha proposto l'arresto immediato per chi torna in Gran Bretagna dall'Iraq o dalla Siria.  “Chiunque sia cittadino britannico e torni dalla Siria o dall’Iraq senza dare alla frontiera una valida spiegazione del perché vi sia andato, dovrà essere considerato potenziale terrorista e indagato”, si legge sul quotidiano.  
Isis, sindaco di Londra choc: 'Introdurre presunzione di colpevolezza'
    Londra scopre, così, la presunzione di colpevolezza, ma il "dimostrare di non essere colpevole" è una novità assoluta per la legislazione inglese e più in generale per tutte le democrazie che si basano sull'Habeas Corpus. Il clamore della proposta aumenta se si pensa che proprio la Gran Bretagna con la sua Magna Charta Libertatum vietava di privare qualsiasi soggetto della propria libertà senza un regolare processo.  Boris Johnson, conservatore e desideroso di sedere in Parlamento nella prossima legislatura, sa benissimo che questa provocazione può portargli tanti voti e nulla più. Gli hanno risposto infatti sia Richard Barrett, ex capo dei servizi di sicurezza britannici MI6, che il vice di Cameron, Nick Clegg. Per il primo "la minaccia costituita dall'Isis deve essere prima compresa in tutta la sua complessità prima di approvare leggi troppo frettolosamente", mentre Clegg ha sottolineato come "simili provvedimenti non eliminerebbero il pericolo costituito dagli estremisti dello Stato islamico". Qualcosa però si muove. Il ministro degli Interni Theresa May, desiderosa di evitare a Londra e dintorni una caccia alle streghe del XXI secolo, sta pensando all'ipotesi di reintrodurre i "control orders" voluti da Blair e poi aboliti. Una misura che prevede il cambio coatto di residenza di un sospetto terrorista e l'impossibilità per lo stesso di comunicare attraverso il telefono e il web. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]