La "democratica" Merkel sospende Dublino: insorge la destra

27 agosto 2015, Marco Guerra
Non si ferma l’emergenza immigrazione relativa alla massiccio esodo di siriani, iracheni e africani sub-sahariani che cercano di raggiungere il territorio dell’Unione Europea. Soltanto ieri 3mila migranti sono stati soccorsi nel Canale di Sicilia.

La 'democratica' Merkel sospende Dublino: insorge la destra
Ed è nuovo orrore per i 51 corpi ritrovati nella stiva di un barcone tratto in salvo in una delle tante operazioni di Frontex. Ancora una volta sono state micidiali le esalazioni di monossido di carbonio emesse dal motore di un barcone, che hanno saturato l’aria all’interno della stiva dove viaggiavano decine di migrati. 

Persone uccise dalla mancanza d'aria perché costrette a restare sotto coperta dalla ferocia degli scafisti. Chi si ribella viene picchiato o buttato in mare. Altre tre donne, invece, sono morte su un gommone con 120 persone per non aver superato la durezza della traversata. In totale sono dieci le operazioni di salvataggio avvenute ieri per circa 3mila migranti soccorsi.

Massimo allarme anche sulla rotta balcanica: secondo il ministro degli affari sociali di Belgrado sono 100mila i migranti che finora hanno attraversato la Serbia diretti verso i Paesi del nord Europa. E questo flusso senza precedenti sta raggiungendo la frontiera dell'Ungheria, circa 1500 al giorno. 

Complessivamente sono 140.000  i rifugiati -  in prevalenza dalla Siria, Afghanistan, Iraq e Pakistan – che sono arrivati quest'anno in territorio magiaro. In questi giorni i migranti stanno marciando sui binari della ferrovia o alzano con mezzi di fortuna il filo spinato eretto dal governo di Budapest. E scontri tra richiedenti asilo e polizia ungherese si sono registrati al centro di accoglienza di Roszke.

La Germania invece deroga al trattato di Dublino, che prevede che il richiedente asilo resti nel paesi di prima accoglienza e identificazione, e sospende l’espulsione dei profughi di sola nazionalità siriana. Si tratterebbe di un primo passo verso
l'attuazione di un meccanismo di redistribuzione più equilibrata dei migranti all'interno dell'Ue.

E sa da una parte la Merkel raccoglie il plauso di molti governi del continente e del presidente Obama per la gestione della crisi migratoria, dall’altro viene pesantemente contestata dall’estrema destra e da una parte dell’opinione pubblica tedesca. La visita della cancelliera al centro di accoglienza per rifugiati di Heidenau è stata accolta da un centinaio di residenti al grido "Preoccupati prima della tua gente!". La stessa struttura è diventata operativa la scorsa settimana, quando è stata oggetto delle proteste dei militanti del partito ultra-nazionalista Npd, che  hanno tentato di impedire con la forza l'ingresso di 600 migranti.

E le aperture della Germania sono accolte dalla solita schizofrenia italiana. Molti gli esponenti di maggioranza e opposizione ora additano Berlino come modello da seguire dopo averla accusata per mesi di mancata solidarietà.
autore / Marco Guerra
Marco Guerra
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]