Denis-Tonelli, "punizioni esemplari". Ma il presidente dell'Empoli non denuncerà

27 aprile 2015, intelligo
Denis-Tonelli, 'punizioni esemplari'. Ma il presidente dell'Empoli non denuncerà
Alla fine è arrivato il commento del presidente dell'Empoli Fabrizio Corsi all'aggressione subita dal suo difensore, Lorenzo Tonelli, che dopo aver minacciato Denis è stato raggiunto negli spogliatoi dall'attaccante atalantino e colpito con diversi pugni: "Mi risultano screzi in campo, non si possono togliere queste cose di calcio. L'assurdo è che c'è stato un esito che io non ho mai visto sui campi". 

Ma la domanda è una, e in molti la pongono: Denunciare Denis?

"E' un problema di Tonelli, noi non lo denunceremo. Se Tonelli ha fatto qualcosa di sbagliato, lo ha fatto in campo, e queste cose succedono -prosegue il numero uno del club toscano ospite a 'Radio Anch'io Sport'-. In campo la prima cosa è il fallo e la battuta intimidatoria, sono cose di campo, l'arbitro dovrà raccontarci cosa è accaduto. Devo capire solo se Tonelli ha sbagliato nel rettangolo di gioco e se posso multarlo per una battuta infelice". 

A questo punto toccherebbe all'Atalanta prendere provvedimenti ma il presidente dell'Empoli non fa proprio una richiesta esplicita: "Non voglio calcare la mano nei confronti dell'Atalanta e del calciatore. E' un episodio che porta a riflessioni e, spero, a punizioni esemplari. E' una cosa assurda che accadano cose del genere per una offesa alla famiglia. Certi modelli vanno combattuti". 

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]