Hacker colpiscono Spotify: il cambio password è obbligatorio

27 aprile 2016 ore 7:50, Micaela Del Monte
Anche Spotify è caduto nella rete degli hacker. Così la piattaforma di musica streaming sarebbe stata violata e i dati sensibili degli utenti amanti della musica sono stati diffusi in rete. A riportare la notizia è stato il sito TechCrunch anche se la compagnia nega di aver subito un attacco:"Spotify non è stato violato e i dati dei nostri utenti si trovano al sicuro", ha affermato in una nota. 

Hacker colpiscono Spotify: il cambio password è obbligatorio
Il primo caso di hackeraggio risale al 2014, quando i server della piattaforma furono messi sotto attacco da un gruppo di pirati informatici. TechCrunch scrive che centinaia di credenziali di account Spotify - che comprendono e-mail, nomi utente, password, tipo di account, Paese di provenienza (tutto il mondo) e altri dettagli - sono comparse sul sito Pastebin, come conseguenza di quella che sembrerebbe una violazione informatica del servizio al mondo di musica in streaming che ha da poco raggiunto il traguardo di 30 milioni di utenti paganti.

Contattando alcuni degli iscritti tramite le e-mail trovate su Pastebin è emerso che le violazioni sono avvenute nei giorni scorsi. Gli utenti se ne sono accorti in diversi modi, precisa TechCrunch: alcuni hanno notato canzoni aggiunte alle playlist, altri hanno scoperto che il loro profilo veniva aperto e usato da sconosciuti. Altri ancora sarebbero stati «buttati fuori» dalla piattaforma mentre stavano ascoltando musica in streaming. Spotify comunque ha fatto sapere a TechCrunch che i dati degli utenti sono al sicuro. "Monitoriamo Pastebin e altri siti regolarmente. Quando notiamo credenziali di Spotify, prima verifichiamo la loro autenticità, poi nel caso avvisiamo immediatamente gli utenti interessati consigliando di cambiare la password".
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]