Piemonte. Cota in bilico tra Regione ed Europee

27 gennaio 2014 ore 18:24, intelligo
Piemonte. Cota in bilico tra Regione ed Europee
A dare lo spunto è stato proprio il commentino sul suo blog.
Il governatore piemontese, Roberto Cota, non ci sta ad essere defenestrato in questo modo e sul sito si è fatto delle domande dandosi anche delle risposte. Ha detto chiaramente, infatti, che dopo il rinvio a giudizio di venerdì scorso di Luigina Staunovo Polacco, presidente della Lista Invalidi e Pensionati per Bresso, "occorra uno scatto d’orgoglio. Bisogna resistere contro questa vergognosa sentenza. Come è possibile che il Tar annulli le elezioni a fronte di voti veri perché il risultato delle elezioni non è mai stato in discussione? Come è possibile che chi presenta ricorso e invoca il rispetto della legalità abbia commesso irregolarità peggiori?”. Si dice che Roberto, nonostante tutto, conti ancora - è proprio il caso di dirlo - nella matematica. Perché stando ai numeri, tra i 15mila voti della sua Lista Pensionati e i 12mila della Lista pro-Bresso, avrebbe comunque un margine di 6mila voti a suo favore. Il punto è che considerando che la prima udienza della Polacco è stata fissata a giugno o il Consiglio di Stato annullerà la sentenza del Tar lasciandolo in carica o confermerà il Tar chiamando la Regione a votare a maggio. C'è, poi, una terza via.  Il Consiglio di Stato non si pronuncerà aspettando magari di traghettare i cittadini "regionali" alle elezioni a ottobre. Ma così Cota direbbe addio anche al salvataggio in extremis previsto per lui: le elezioni Europee.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]