Visite mediche "fatte in casa": arrestato dipendente pubblico assenteista

27 maggio 2016 ore 13:28, Lucia Bigozzi
Manette ai polsi per assenteismo dal lavoro. L’arresto era stato disposto come misura di custodia cautelare ai domiciliari, dal Gip del Tribunale di Perugia ed è stata eseguita dai Carabinieri del Nas di Perugia: nei guai è finito un dipendente pubblico che lavora nel capoluogo umbro. 

Secondo quanto emerso dalle indagini, l’uomo che ha 64 anni, dipendente amministrativo della Direzione territoriale del lavoro di Perugia,  non si sarebbe presentato in ufficio in almeno 37 occasioni a partire dal 2013. Come motivazione avrebbe esibito una serie di certificati di visite mediche specialistiche che, sempre secondo gli inquirenti, non sarebbero mai state eseguite e alle quali il 64enne non si sarebbe mai presentato. Non solo, ma i relativi certificati non sarebbero mai stati rilasciati. Il dipendente pubblico è stato posto agli arresti domiciliari e dovrà rispondere dell’accusa di ricettazione, falso e truffa aggravata ai danni dello Stato. I militari dell’Arma coordinati dalla Procura perugina, avrebbero verificato – secondo quanto riportano i quotidiani locali – che in alcuni casi i timbri lineari e la firma sulla certificazione medica sono risultati trafugati da ospedali e strutture sanitarie. In altri casi, invece, i medici che erano stati indicati nella certificazione risultavano ormai in pensione da diversi anni. 

Non solo: a seguito di una perquisizione domiciliare, gli investigatori hanno sequestrato timbri lineari e “gruppi firma” dell'ospedale di Perugia e dell'Asl Umbria 1, oltre a fogli di carta intestata relativi ad uffici e reparti medici. I sospetti sul comportamento anomalo dell’uomo sono scattati a causa della consistente quantità di certificazioni mediche che abbracciavano varie tipologie specialistiche. E’ stata l’Amministrazione competente a segnalare l’anomalia ai carabinieri che hanno avviato le indagini, durante circa otto mesi e condotte sia con verifiche nelle strutture sanitarie che con sopralluoghi nei posti frequentati solitamente dall’uomo. Fino all’epilogo della vicenda con gli arresti domiciliari disposti a carico del dipendente-assenteista. 
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]