Fi, Cosentino alla riscossa: Forza Campania decolla e trascina…

27 marzo 2014 ore 15:11, intelligo
Fi, Cosentino alla riscossa: Forza Campania decolla e trascina…
C’è chi l’ha già ribattezzata “l’altra Forza Italia” e chi mutua dalla sinistra lo slogan “un’altra Fi è possibile”. Fatto sta “Forza Campania” è sulla pista di rullaggio, pronta a trasformarsi in partito.
Ma chi c’è dietro? Si dice Nicola Cosentino, l’ex coordinatore regionale del partito di Berlusconi passato dalle stelle alle stalle (politiche). Salvo cambiamenti all’ultimo tuffo, domenica mattina a Napoli sarà il giorno della convention. I consiglieri regionali del movimento molto vicino a Cosentino, si sarebbero riuniti ieri insieme alla capogruppo Paola Raia: nel menù l'organizzazione del gruppo, la definizione della manifestazione del lancio del logo e la scelta della griglia di nomi per le amministrative di fine maggio. Ma cos’è Forza Campania? Una specie di ‘correntone azzurro’ che fa capo a Cosentino, formato da sette consiglieri regionali (”i sette moschettieri”, li chiama l’ex leader campano), un discreto numero di parlamentari – specie a Palazzo Madama – e decine di consiglieri comunali e sindaci. Alle prese con inchieste giudiziarie, Cosentino è rimasto fuori dal Pdl e dai giochi della ri-nata Fi. Rapporti raffreddati insomma con i piani alti di San Lorenzo in Lucina e coi big azzurri della sua regione. Resta il fatto che a Cosentino non è andato giù l’organigramma voluto da Berlusconi e un segnale l’ha già mandato: i cosentiniani non hanno preso parte al giro di nomine per la composizione dell’Ufficio di presidenza. Come a dire che senza di loro il partito in Campania difficilmente supererà la prova delle prossime sfide elettorali. Secondo i rumors di Palazzo, i cosentiniani non avrebbero gradito la scelta di affidare il coordinamento al senatore De Siano, visto come l’uomo-cerniera tra i maggiorenti locali del partito e neppure l’idea di tenere fuori dalla corsa per le europee Raffaele Fitto. Non a caso, secondo gli spifferi di Intelligonews, tra i militanti di Forza Campania ci sarebbe la preoccupazione che l’estromissione dell’ex governatore pugliese potrebbe rappresentare un segnale non certo incoraggiante per chi punta a radicarsi sul territorio. Nelle file forziste, il movimentismo modello “Forza Campania” starebbe tentando molti, al punto che nel Lazio sarebbe ai blocchi di partenza “Forza Civitavecchia”.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]