L'ugola d'oro Al Bano solidale: "'Do' di petto" per i malati rari del Bambino Gesù

27 novembre 2015 ore 11:35, Americo Mascarucci
L'ugola d'oro Al Bano solidale: ''Do' di petto' per i malati rari del Bambino Gesù
In Italia circa un milione di bambini sono affetti  da una malattia rara, che colpisce meno di cinque pazienti ogni 10 mila abitanti: il 30% dei piccoli pazienti non supera i cinque anni. 
L'80% delle malattie rare ha origine genetica ma un caso su due resta senza diagnosi. 
Ecco quindi che per investire di più sulla ricerca delle malattie rare è partita una raccolta fondi a sostegno dell’ospedale Bambino Gesù di Roma promossa dalla nuova Fondazione Bambino Gesù onlus con la campagna Vite Coraggiose. 
Diversi gli sponsor privati che vanno dal Gruppo Intesa San Paolo alla Conad, dalla Marina militare all'Aeronautica militare, dalla Guardia di Finanza all'Autorità portuale di Civitavecchia. 
"Siamo tutti tecnicamente imperfetti - ha spiegato il direttore scientifico dell'Ospedale Bambino Gesù Bruno Dalla piccola - purtroppo in alcune persone questa imperfezione determina, a partire dall'età pediatrica, una forma di patologia spesso molto grave e soprattutto difficile da riconoscere. Sono le cosiddette malattie 'orfane' e ultra rare (colpiscono meno di una persona ogni 100 mila), prive di diagnosi, oltre che cura. E' a questi malati che la campagna vuole offrire una prospettiva di speranza". 
Con i proventi della campagna dunque si cercherà di incentivare l’attività di ricerca sulle malattie rare che il Bambino Gesù sta portando avanti con grandissima professionalità ma che necessita di ulteriori risorse.
Testimonial della campagna 'Vite coraggiose' Al Bano Carrisi con un brano musicale che porta il nome della campagna. "Quando mi hanno chiesto se volevo partecipare a questa iniziativa - ha detto Al Bano - ho detto 'Si' di petto per arrivare al 'Do' di petto. In tutta la mia carriera ho scritto tante canzoni, ma questa l'ho scritta in otto minuti forse grazie alla forza del Bambino Gesù". Albano è un uomo di fede che la vita ha purtroppo sottoposto a prove molto dure, una fede riscontrabile nella straordinaria sensibilità che dimostra di possedere verso tante iniziative benefiche rivolte soprattutto in favore dei più piccoli. 
Alla presentazione è intervenuta anche la presidente della Fondazione e dell'Ospedale, Mariella Enoc: "Vogliamo sostenere la ricerca che si fa in questo ospedale, che ha costi elevati ed è poco sostenuta, ma anche per far conoscere l'operato del Bambino Gesù: qui è possibile curare alcune malattie che in altri luoghi non vengono affrontate". Circa il 5% di tutti i malati rari registrati in Italia, infatti, viene diagnosticato al Bambino Gesù. 
Oltre ad Albano ha contribuito all’iniziativa l’artista Mimmo Paladino che ha messo a disposizione della campagna la sua arte di pittore e scultore. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]