Anche il Cdm può attendere … Letta e Napolitano

27 settembre 2013 ore 13:41, intelligo
Anche il Cdm può attendere … Letta e Napolitano
Tutto in stand-by. Compreso il Consiglio dei ministri con al centro un dossier non rinviabile: i provvedimenti per tornare sotto al tetto del 3 per cento (deficit-pil) e soprattutto il Dl per evitare l’aumento dell’Iva. Il consueto vertice governativo è fissato nel pomeriggio ma nel corso della mattinata non è ancora arrivata la convocazione ufficiale.
Restano solo quattro giorni, visto che se non subentreranno modifiche, dal 1 di ottobre l’imposta sui consumi salirà di un punto. Un provvedimento importante anche perché liberebbe la legge di stabilità dal pressing dell’Europa. Per questo il decreto sull’Iva deve avere la certezza di essere approvato dal parlamento e convertito in tempi rapidissimi. Non centrare questo obiettivo significherebbe esporre l’Italia al rischio di rientrare nella procedura di infrazione dalla quale è appena uscita. Ma su tutto, compreso il Cdm, oggi incombe il faccia a faccia Letta-Napolitano sul quadro politico alla luce della decisione dei parlamentari Pdl di dimettersi in massa dopo il voto della Giunta sulla decadenza di Berlusconi da senatore. Un incontro dal quale si capirà se la legislatura potrà andare avanti o se è arrivata al capolinea. Anche il Cdm, dunque, può attendere …
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]