"Prima il Senato" il Ddl Cirinnà slitta. Manif soddisfatta

27 settembre 2015, Americo Mascarucci
Il disegno di legge Cirinnà sulle unioni civili è  slittato a data da destinarsi, pare per volontà del Premier Matteo Renzi che vuole chiudere prima, e senza troppi contraccolpi, la partita delle riforme. Se ne riparlerà forse prima di Natale o addirittura ad anno nuovo.....Insomma nessuna fretta, anche perché il ddl Cirinnà rischia di creare ulteriori scossoni nella maggioranza, con il Nuovo Centrodestra già in larga parte scontento per la nuova legge elettorale. 

'Prima il Senato' il Ddl Cirinnà slitta. Manif soddisfatta
E così l' esame del testo è stato al momento ritirato dal calendario dei lavori al Senato. La notizia è stata accolta favorevolmente dalle associazioni in difesa della Famiglia riunite nel Forum che ha organizzato la grande manifestazione del 20 giugno in Piazza San Giovanni a Roma. Per Filippo Savarese rappresentante dell' associazione "La Manif pour tous Italia" si tratta di un risultato straordinario che dimostrerebbe chiaramente come il Family Day del 20 giugno abbia prodotto effetti positivi e non sia stato affatto inutile. 

Insomma, alla fine la piazza cattolica ma laica di Piazza San Giovanni ha avuto più successo della disponibilità al dialogo del segretario generale dei vescovi Nunzio Galantino che si era affrettato a prendere le distanze dall  'iniziativa. Non sarà che Renzi avrà capito pure dagli interventi successivi di Bagnasco che la Cei non è affatto quella bergogliana di Galantino e che la maggioranza dei vescovi non è affatto disposta a cedere terreno sulla difesa dei valori etici ? 

Al momento dunque la  battaglia contro il ddl che punta ad equiparare coppie di fatto e gay alla famiglia naturale segna un punto a favore dell' associazionismo cattolico, ma la "guerra " c' è da star  certi non è affatto conclusa. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]