L’Oms boccia le sigarette elettroniche

28 agosto 2014 ore 11:44, Andrea Barcariol
Tempi duri per i fumatori. Dal report dell’Organizzazione Mondiale della Sanità è emersa la
L’Oms boccia le sigarette elettroniche
necessità di regolamentare anche le sigarette elettroniche. “Le prove esistenti dimostrano come le e-cigarette non siano costituite da semplice vapore acqueo e vi sono elementi sufficienti per mettere in guardia bambini, adolescenti, donne in stato di gravidanza e donne in età procreativa sulle conseguenze a lungo termine del consumo di sigarette elettroniche per lo sviluppo cerebrale". Questo il monito dell'Oms per i soggetti elencati, ai quali deve essere essere vietata la vendita. Non solo. Nienete sigarette elettroniche neanche nei luoghi pubblici chiusi (attualmente il consumo è ammesso in Italia) a causa del rischio di fumo passivo "almeno finché non venga provato che i vapori emessi non siano pericolosi" e devono essere posti dei limiti su promozioni e sponsorship di questo prodotto. Un report che frenerà quello che è stato un boom impressionante. I dati della e-cigarette parlano chiaro: 466 marchi nel 2014 in tutto il mondo per una cifra spesa globalmente di 3 miliardi di dollari e un potenziale aumento delle vendite del 17% da qui al 2030. L'Organizzazione della Sanità sottolinea anche come il mercato delle sigarette elettroniche sia nelle mani delle stesse multinazionali del tabacco e sollecita le case produttrici a evitare di sostenere che vi siano prove scientifiche del fatto che le sigarette elettroniche aiutino a smettere di fumare.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]