Facebook cambia volto: addio agli articoli "acchiappa clic"

28 agosto 2014 ore 16:29, Andrea De Angelis
"Clamoroso! CLICCA QUI per sapere come è finita". Quanti di voi hanno visto un simile post su Facebook? Da oggi la quantità di questi articoli diminuirà sensibilmente vista la battaglia annunciata dal social network contro il "click-baiting", l'adescamento studiato a tavolino per aumentare i visitatori di un determinato sito. La notizia arriva direttamente dalla sezione "News" di Facebook: "Stiamo introducendo un nuovo parametro per scoraggiare le notizie che invitano a cliccare e che molti giudicano come spam".  

Facebook cambia volto: addio agli articoli 'acchiappa clic'

  Un modo per permettere agli utenti di spendere il loro tempo in modo adeguato: "I giornali o i profili di chi posta continuamente, con intestazioni 'esca', link che gli utenti non apprezzano e che finiscono per non leggere, vedranno diminuire il loro potere di diffusione in pochi mesi. Stiamo facendo questi cambiamenti per essere sicuri che le persone vedano solo quello che vogliono davvero vedere su Facebook". La decisione apre di fatto al ritorno del giornalismo che fu, quello in cui non si doveva ingannare il lettore con un titolo fuorviante, ma accompagnarlo nella scoperta del pezzo, dandogli già nel titolo le linee guida dello stesso. Nell'era dei clic, invece, la tentazione di portarlo ad "aprire l'articolo" spesso supera la doverosa attenzione a far sì che, una volta entrato, lo stesso lettore non abbandoni subito la lettura indispettito. Il problema, come noto, è che il clic di un lettore deluso pesa come quello di uno interessato. Se poi il "click-baiting" è ben costruito sarà facile vedere gli "articoli esca" in cima a quelli più letti (o caldi, come li definisce un noto quotidiano italiano) del giorno, a dispetto di quelli costruiti meglio. E sicuramente più interessanti. Dove non arriva la deontologia, ecco l'algoritmo. Il XXI secolo, si sa, è anche questo...  
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]