La carta disperata dell'Isis: i boia bambini (uno britannico) - VIDEO

28 agosto 2016 ore 15:01, Adriano Scianca

L'Isis torna a mostrare dei terroristi bambini. Un nuovo video dello Stato islamico mostra un gruppetto di ragazzini, di età compresa tra i 10 e i 13 anni, nell'atto di “giustiziare” dei nemici del Califfato. Si tratta, nello specifico, di prigionieri curdi. I piccoli esecutori dell'assassinio sarebbero di nazionalità diverse: un egiziano, un curdo, un tunisino e un uzbeco. Uno di loro, un ragazzino bianco con occhi azzurri, è indicato come Abu Abdullah "al Britani", cioè il britannico. Vestiti in abiti militari e armati con pistole, si ergono di fronte a una fila di cinque uomini in ginocchio vestiti di arancione come i detenuti. Secondo l’agenzia curda Rudaw, i cinque prigionieri sono guerriglieri curdi. 

La carta disperata dell'Isis: i boia bambini (uno britannico) - VIDEO
“Nessuno può salvare i curdi, neanche con il supporto di America, Francia, Gran Bretagna, Germania e i diavoli dell'inferno”, urla uno dei bambini. Poi, al grido di Allah Akbar, sollevano contemporaneamente la calibro nove e sparano alla nuca dei prigionieri. Mentre perde terreno e incappa in sempre maggiori sconfitte militari, l'Isis ricorre alla strategia del terrore mediatico, rompendo anche il tabù dell'infanzia. Non è del resto la prima volta che Daesh diffonde immagini simili. Nel 2015 un video aveva mostrato un altro inglese di soli 4 anni far esplodere un’auto con dentro tre presunte spie.


 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]