Bosnia, attacco a commissariato di Polizia di matrice wahhabita: un morto due feriti

28 aprile 2015, intelligo
Bosnia, attacco a commissariato di Polizia di matrice wahhabita: un morto due feriti
Al grido di "Allah Akbar" è stato ucciso un poliziotto in un agguato al commissariato a colpi di arma da fuoco. E' accaduto ieri sera a Zvornik, in Bosnia,  dove un uomo di nome
 Nerdin Ibric, 24 anni, musulmano di un villaggio nei dintorni di Zvornik, ha aperto il fuoco ha ferito anche due colleghi.  

"Tutto indica che sia legato al movimento wahhabita" fa sapere l'intelligence. 

E non viene nascosto che è un atto terroristico. Le stesse forze dell'ordine serbe locali lo hanno denunciato spiegando "che  una persona armata è entrata verso le 19 nel commissariato di polizia di Zvornik":  ha dichiarato la portavoce della polizia, Aleksandra Simojlovic che spiega che l'uomo è stato poi ucciso in uno scontro a fuoco con le forze dell'ordine. 

Ora il ministro degli Interni della Republika Srpska, Dragan Lukac, dice di dover verificare se si tratti di un atto isolato o meno. 

Ma la storia parla da sola. Zvornik si trova nell'entità serba di Bosnia, la Republika Srpska e la Bosnia dal 1992 al 1995 è stata teatro di una guerra etnica. 

E considerato il legame con il movimento wahhabita "è evidente che c'è una motivazione religiosa dietro questo atto terroristico. Non si tratta certamente di un atto isolato". E ora la sicurezza sta operando mettendo sotto controllo scuole e asili. 

E potrebbe rappresentare solo una scintilla di un fuoco più esteso. 

(m.m.)
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]