La felicità è "da geni" (tranne in Italia): scorre nel Dna l'attitudine all'ottimismo

28 aprile 2016 ore 10:30, Americo Mascarucci
La felicità? E' una questione di geni.
E' ciò che ha dimostrato un gruppo di ricercatori dell’Università di Vrije, ad Amsterdam, riuscendo attraverso uno studio accurato ad identificare i cosiddetti "geni della felicità".
I risultati pubblicati sulla rivista Nature Genetics – scaturiscono analizzando il Dna di circa 300mila persone e identificando tre varianti genetiche che possono essere associate alla felicità. 
La felicità dunque secondo questo studio dipenderebbe infatti da una sorta di predisposizione genetica che determinerebbe gli impulsi cerebrali che regolano la propria capacità di reagire alle avversità e di godere di ciò che si possiede. L'obiettivo degli studiosi è scoprire perché le persone vivono in maniera differente la felicità. 
In particolare i geni che determinano gravi problemi neurologici sono stati trovati nelle ghiandole surrenali e nel pancreas. 
La scoperta di questi geni potrebbe aiutare in futuro a mettere a punto terapie per ridurre i livelli di ansia.
Delle tre varianti genetiche coinvolte nella felicità, due legate sono legate ai sintomi della depressione e undici sono associate a nevrosi.

La felicità è 'da geni' (tranne in Italia): scorre nel Dna l'attitudine all'ottimismo
Lo studio, coordinato da Meike Bartels e Philipp Koellinger, ha coinvolto 181 ricercatori e circa 145 istituti di ricerca e gran parte delle informazioni genetiche delle quasi 300.000 persone analizzate sono state ottenute dal registro dei gemelli dei Paesi Bassi. 
"Questo risultato – come ha sottolineato Bartels – è solo l’inizio. Questo studio è allo stesso tempo un traguardo e un inizio. Se da un lato siamo ormai certi che ci sia un aspetto genetico coinvolto nella felicità, tuttavia le tre varianti individuate sono solo una piccola frazione del DNA coinvolto. Ci aspettiamo che ci siano molti altri geni che hanno un ruolo nella sensazione di benessere delle persone”.
I ricercatori vogliono infatti scoprire gli altri geni coinvolti e comprendere soprattutto perché le persone vivono in modo diverso la felicità e come l’ambiente e le differenze culturali possano influenzare questo aspetto.
Tuttavia in Italia molti dubbi sono stati espressi riguardo questo studio dal momento che per gli esperti made in Italy la felicità resta determinata soprattutto da fattori culturali ed ambientali.


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]