Nel 2016 la novità è lo scanner dell'iride, occhio al Samsung Galaxy S7

28 dicembre 2015 ore 8:24, Micaela Del Monte
Le voci legate alle uscite degli smartphone e alle nuove caratteristiche sono un po' come i gossip legati alle star, non si sa se si tratta di pura fantasia o verità finché non sono i diretti interessati a dichiararlo. E così tra l'uscita del nuovo iPhone e quella del nuovo Samsung Galaxy veniamo bombardati di rumors e indiscrezioni, presi però dalla foga di conoscere cosa ci aspetta perdiamo però di vista cosa sia vero e cosa meno.

A tenere banco ora è proprio l'uscita del nuovo Samsung Galaxy S7, lo smartphone che da sempre sfida la Mela nella supremazia del mercato dei telefonini.  Proprio secondo le indiscrezioni il top di gamma sarà reso disponibile nei primi mesi del 2016, verosimilmente a marzo, dopo la presentazione al Mobile World Congress 2016 di Barcellona programmato per le giornate dal 22 al 25 febbraio. 

Nel 2016 la novità è lo scanner dell'iride, occhio al Samsung Galaxy S7
Sempre secondo le voci l'S7 potrebbe essere dotato di una feature estremamente interessante sia per comodità che per sicurezza, ovvero lo scanner dell’iride. Come riporta Phone Arena, la voce arriva dalla Polonia, partendo con il dire che il prezzo di Galaxy S7 dovrebbe essere superiore in maniera sensibile rispetto al precedente S6, e tale cambiamento nel costo sarebbe dovuto proprio all’introduzione della nuova tecnologia per l’analisi dell’iride. Questa dovrebbe essere introdotta con un sensore apposito posizionato verosimilmente accanto alla fotocamera interna del dispositivo, ed essere presente in tutte le quattro varianti dello smartphone previste (Galaxy S7, S7 Plus, S7 Edge ed S7 Edge Plus) se effettivamente saranno tante quelle introdotte. 

La feature potrà infatti essere utilizzata per esempio per sbloccare lo schermo, verificare l’identità dell’utente, anche effettuare acquisti. Le funzionalità accessibili saranno in pratica tutte quelle che attualmente sono legate al lettore di impronte digitali, con maggiore sicurezza però perché l’occhio umano presenta maggiori dettagli unici tra gli individui, rendendo l’analisi dell’iride il parametro biometrico più preciso.

Ad aggiungersi allo scan retina potrebbe esserci anche un'altra funzione suggerita dal nuovo brevetto concesso a Samsung che è stato pubblicato dal Korean Intellectual Property Office, il Galaxy S7 potrebbe infatti essere dotato di qualcosa simile al 3D Touch. Il brevetto intitolato "Touch Input Apparatus and Electronic Device Having Thereof" è stato presentato da Samsung nel mese di aprile 2014 riguarda una tecnologia che essenzialmente rende il display in grado di distinguere la quantità di forza che viene esercitata su di esso. Il brevetto mostra anche che Samsung vuole utilizzare questa caratteristica per far compiere al telefono diverse funzioni, come ad esempio aprire un menu esercitando una certa quantità di pressione oppure attivare una precisa funzione quando si esercita un altro tipo di pressione.

Il prezzo dovrebbe poi essere di circa 700 dollari al momento dell’introduzione sul mercato statunitense, ma potrebbe essere più alto in Italia arrivando anche ad 750 euro considerando i 699 di partenza dello scorso anno con Galaxy S6.

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]