Facebook non conosce crisi, più di un miliardo di utili e Zuckerberg esulta

28 gennaio 2016 ore 12:06, Luca Lippi
Migliori delle attese la trimestrale di Facebook, si parla del quarto trimestre dello scorso anno nel quale l’utile netto di Facebook ha superato il miliardo di dollari con ricavi in aumento del 52%. Mark Zuckerberg commenta: “Il 2015 stato un grande anno. I nostri utenti sono aumentati. Continuiamo a investire nel miglioramento dei servizi offerti alla nostra clientela e a connettere il mondo”.

Facebook non conosce crisi, più di un miliardo di utili e Zuckerberg esulta
I conti: ultimo trimestre del 2015 Facebook ha realizzato ricavi per 5,841 miliardi di dollari, il 52% in più rispetto ai 3,851 miliardi dello stesso trimestre del 2014. Sull'intero anno i ricavi si sono attestati a 17,928 miliardi di dollari (+43%). Gli utili hanno superato per la prima volta, a livello trimestrale, il miliardo di dollari, fermandosi a 1,562 miliardi, un risultato più che doppio rispetto ai 701 milioni di dollari dell'ultimo trimestre 2014. L'utile per azione è pari a 0,54 dollari in crescita da 0,25 dello stesso trimestre dell'esercizio precedente. Al netto di ammortamenti e asset intangibili l'utile per azione si è attestato a 0,79 dollari, oltre le attese degli analisti che stimavano in media un risultato inferiore di dieci centesimi. Gli utenti attivi sono cresciuti del 17% nel dicembre 2015 rispetto al dicembre 2014 e hanno sperato il miliardo di unità (1,04 miliardi). L'utenza da telefonia mobile si è incrementata del 25% a 934 milioni di utenti e gli introiti pubblicitari da telefonini hanno rappresentato l'80% del totale nel trimestre. 

C’è da considerare che in Facebook a produrre reddito si sono aggiunti anche Instagram, i cui utenti hanno superato i 400 milioni e Whatsapp e le tecnologie di realtà virtuale come Oculus. A proposito di Oculus, Zuckerberg sollecitato da una domanda sulla prevendita ha risposto: “Non sprizzo gioia, ma sono contento. È un mercato all'esordio. Ci sono circa 250 milioni di persone che posseggono Xbox, PlayStation o Wii. Quello è il mercato iniziale di consumatori che pensiamo sia inizialmente più interessato all'esperienza di realtà virtuale".

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]