Spazzini del mare sempre più bio: dopo la soia ecco gli agrumi anti-petrolio

28 gennaio 2016 ore 15:43, Andrea De Angelis
L'obiettivo è tanto nobile quanto antico: trovare un sostituto "green" alle sostanze chimiche comunemente impiegate per separare e assorbire il greggio dall'acqua, che spesso hanno un elevato impatto sull'ambiente. Ma più in generale riuscire a depurare il bene più prezioso che abbiamo, non fosse altro per il fatto che il 70% circa del nostro organismo è composta da essa, è un tentativo che si ripete negli anni e che si spera possa portare finalmente i suoi frutti.

E mai come in questo caso è corretto parlare di frutti perché al centro del nuovo studio ci sono proprio gli agrumi. Un nuovo modo per depurare l’acqua sia dei fiumi che dei mari consisterebbe proprio nell'impiegare bucce d’arancia e gli scarti della produzione del petrolio. La sorprendente scoperta è stata fatta dai ricercatori della Flinders University di Adelaide in Australia ed è stata pubblicata sulla nota rivista scientifica Angewandte Chemie.
Spazzini del mare sempre più bio: dopo la soia ecco gli agrumi anti-petrolio
Il merito è del polisolfuro di zolfo-limonene. Gli studiosi australiani hanno infatti sperimentato con successo che il mix tra le bucce d’arancia e gli scarti della produzione del petrolio produce un polimero che riesce ad eliminare il tanto temuto mercurio presente nelle acque. Il primo infatti funge da collante con il mercurio, impedendone la diffusione in acqua e suolo. L'obiettivo dei ricercatori è quello di utilizzare il polimero come rivestimento per tubi o filtri idrici, al fine di rimuovere il metallo. Ma questo non è l'unico tentativo recente di risolvere l'annoso problema.

Nell'aprile del 2015 infatti lo studio condotto dall'American Chemical Society e pubblicato sulla rivista Acs Sustainable Chemistry & Engineering fece sobbalzare più di uno dalla sedia: la soia potrebbe ripulire il mare dall'inquinamento legato al petrolio. Un modo questo per evitare, come detto, l'impatto provocato dai solventi tradizionali. 
I ricercatori statunitensi scomposero la lecitina di soia, un tensioattivo vegetale usato in ambito alimentare, nei suoi componenti lipidici e nei test effettuati in laboratorio queste molecole si sono rivelate molto efficaci nella "divisione" del greggio in particelle più piccole, più facili da assorbire e da rimuovere dall'acqua. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]