Podemos "non si prostituirà mai", i Socialisti dicono no: per Rajoy "caos bis"

28 giugno 2016 ore 12:23, Americo Mascarucci
E' di nuovo caos in Spagna.
I risultati delle elezioni politiche hanno riconfermato lo scenario che era uscito dalle urne nel novembre scorso, quello cioè di un Parlamento senza maggioranza e di un Paese condannato all'ingovernabilità.
Nessuna forza politica è in grado di poter disporre di una maggioranza parlamentare.
Hanno vinto ancora una volta i Popolari del premier uscente Mariano Rajoy che però non possono governare da soli: inevitabile in questo scenario di grave crisi economica e di antieuropeismo galoppante pensare ad un governo di coalizione con i Socialisti l'altro grande partito europeista spagnolo. Centrodestra e centrosinistra insieme per realizzare l'agenda europea. Peccato però che i Socialisti abbiano fatto sapere che l'eventuale collaborazione istituzionale potrà passare solo ed esclusivamente da un passo indietro di Rajoy.
I Socialisti sono usciti sotto ridimensionati da queste elezioni avendo perso cinque seggi nell'assemblea parlamentare ma hanno vinto la sfida a sinistra con Podemos che sognava il grande sorpasso. Invece i Socialisti sono rimasti secondi e il partito antieuropeista di estrema sinistra si è dovuto accontentare del terzo posto.
Pablo Iglesias leader di Podemos non nasconde l'amarezza per un risultato che credeva superiore.
Era convinto che il voto di protesta sarebbe dilagato ancora di più dopo il referendum britannico che ha sancito l'uscita dalla Ue. 
Invece a penalizzare Podemos c'è forse stato il tentativo di moderare i toni, proprio con l'obiettivo di conquistare voti socialisti. Estremisti sì, ma fino ad un certo punto. E forse nel tentativo di cercare voti di sinistra moderata Podemos ha finito con il perdere quelli degli indignados.

Podemos 'non si prostituirà mai', i Socialisti dicono no: per Rajoy 'caos bis'
"Siamo la terza forza politica ma non ci conformiamo e continueremo a lavorare per diventare la prima" ha detto Iglesias  ribadendo che Podemos resterà coerente: "Il nostro movimento non si prostituirà mai, non baratteremo il programma in cambio di un posto o una carica". 
Per il momento però questa coerenza non è stata premiata dagli elettori. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]