Trapianto di testa è realtà: subito sui topi, poi l'uomo

28 luglio 2015, intelligo
Ad aprile, come riporta l'Adnkronos, aveva annunciato di aver messo a punto una procedura completa e anche di aver trovato un volontario per la prima operazione del genere al mondo, che nei suoi programmi dovrebbe avvenire nel 2017.

Trapianto di testa è realtà: subito sui topi, poi l'uomo
Sergio Canavero,
medico italiano e direttore del Gruppo avanzato di neuromodulazione di Torino, sono anni che porta avanti la sua rivoluzionaria idea: trapiantare una testa, o meglio il corpo di un donatore, su un ricevente.

Un sogno che adesso sembra diventare realtà.

Il trapianto di testa è possibile. A provarlo, per ora su modello animale, il chirurgo cinese Xiao-Ping Ren, che lavora all'ospedale affiliato alla Harbin Medical University: con il suo team assicura in un articolo pubblicato su 'Cns Neuroscience & Therapeutics' di aver messo a punto sui topi una tecnica che si potrà applicare anche all'uomo.

Il ricercatore cinese evidenzia che il 'segreto' della tecnica risiede nello stabilire un sistema di circolazione incrociata fra donatore e ricevente e nel legare con uno speciale sistema le carotidi e le vene giugulari.

Questo metodo consente di preservare le funzioni neurologiche, come dimostrato dagli elettroencefalogrammi eseguiti sui roditori. "In conclusione - dice l'esperto cinese - i nostri risultati sono ispiranti. Il metodo sperimentale che abbiamo descritto consente una sopravvivenza a lungo termine e una gestione del rischio di rigetto, portandoci più vicini all'intervento sull'uomo".
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]