19enne Algerino terrorizza Brema: “Vi faccio saltare tutti in aria”

28 luglio 2016 ore 11:30, Luca Lippi
Il fatto è accaduto in Germania, ma poteva accadere ovunque in Europa, tutto ha avuto un esito positivo fortunatamente, a parte la gran paura.
Dopo essere fuggito dalla struttura che lo aveva in cura, un richiedente asilo si è presentato in un centro commerciale dove ha seminato il panico per ore gridando "Vi farò saltare in aria".
A Brema, nel nord del Paese, un 19enne algerino che era fuggito dall'ospedale psichiatrico ha tenuto sotto scacco le forze dell'ordine e centinaia di tedeschi irrompendo in un centro commerciale.
In città è subito scattato l'allarme e le forze dell'ordine hanno fatto evacuare il centro commerciale e messo immediatamente in sicurezza i cittadini. Fortunatamente tutto si è concluso nei migliori dei modi. Tuttavia, nuove ombre si addensano sulla polizia tedesca che aveva già arrestato il richiedente asilo lo scorso fine settimana. In quell'occasione avevano pure scoperto le simpatie del richiedente asilo per lo Stato islamico e per il 18enne responsabile della sparatoria di Monaco del 22 luglio. "Non avevamo prove di alcun tipo di legame con l'Isis", si difende ora la polizia di Brema.

19enne Algerino terrorizza Brema: “Vi faccio saltare tutti in aria”

Inutile fare processi, inutile anche ridurre tutto alla semplice consapevolezza che si tratta sempre più di “lupi solitari” spesso neanche troppo convinti, ma semplicemente sostenuti da stati d’animo alterati (artatamente o naturalmente); è sbagliato sottovalutare il fenomeno, è una sorta di appiattimento che implica la sottovalutazione dei fenomeni.
La fuga dall’ospedale psichiatrico dell’algerino è stata breve, il centro commerciale nel quale si è svolta la vicenda è a soli 40 Km dalla struttura medica dove era “custodito” il 19enne.
Sono stati gli stessi cittadini all’interno del centro commerciale a lanciare l’allarme segnalando la presenza dell’uomo in evidente stato di alterazione.
Un portavoce della polizia di Diepholz, dove l'uomo era stato fermato dalla polizia nel fine settimana, spiega che l'incidente è stato preso sul serio considerata l'attuale situazione in Germania, ma sottolinea che non c'era alcuna indicazione di un attacco imminente. Si legge in una nota della polizia di Diepholz  "Non ci sono prove di alcun piano concreto né di alcun legame con lo Stato islamico".

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]