Padoan vuole cambiare l’agenda dell’Europa. Ma la Merkel lo sa?

28 marzo 2014 ore 16:45, intelligo
Padoan vuole cambiare l’agenda dell’Europa. Ma la Merkel lo sa?
Il ministro del Tesoro rompe gli indugi. Dopo il tentativo – timido - di Renzi nel tour europeo, adesso il numero uno di via XX Settembre torna alla carica. “Penso sia il momento di dire che bisogna cambiare la direzione dell’agenda di politica economica in Europa. È maturo un ragionamento vero e non finto su problemi della crescita”.
E il ragionamento del super-ministro è: “Se si continua a dire in Europa che la via maestra per la crescita sono le riforme strutturali, allora bisogna dire in modo chiaro a quali condizioni le misure funzionano e a quali no”. Perché i dati dicono che l’Europa “nel 2014 ha una crescita positiva in tutti o quasi i suoi paesi membri dopo che negli ultimi due anni ha vissuto una recessione profondissima, elemento grave quando facciamo i conti con i costi della recessione che vogliono dire danni permanenti”. Va benissimo tenere i conti in ordine, aggiustare il bilancio per contenere gli effetti della crisi ma non è possibile gettare alle ortiche gli sforzi fatti. Guardando in casa nostra, Padoan promette che non sarà il “ministro del no” ma “anche del no” e conferma che l’esecutivo è al lavoro per mettere a punto “misure concrete che saranno a breve nel dibattito parlamentare”. Non svela né anticipa nulla per il momento e intanto mette la “zeppa” nell’Eurozona. La domanda sorge spontanea, usando la perifrasi di catalana memoria: “Ma la Cancelliera tedesca lo sa?”. E la domanda non è da poco.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]