Buon compleanno Bruce Lee, la leggenda che portò le arti marziali al cinema

28 novembre 2015 ore 12:27, Andrea Barcariol
Buon compleanno Bruce Lee, la leggenda che portò le arti marziali al cinema
Una morte avvolta nel mistero, una vita da leggenda. Avrebbe compiuto 75 anni Bruce Lee, maestro di arti marziali, regista, attore e produttore, nato San Francisco il 27 novembre del 1940. Debutta al cinema sul finire degli anni 50 ma la popolarità arriva nel 1966 con una serie tv americana, "The Green Hornet".  Dopo alcuni ruoli secondari in film hollywoodiani, Lee decide di tornare a Hong Kong per una serie di pellicole di azione che ne decretarono la fama internazionale, da "Dalla Cine con furore" a "Il furore della Cina" colpisce fino a "L'urlo di Chen terrorizza anche l'Occidente", pellicola rimasta celebre per lo scontro dentro il Colosseo contro un altro big delle arti marziali: Chuck Norris, al debutto.


 


Film che lo rendono una star anche se la vera consacrazione hollywoodiana arriva con "I tre dell'operazione Drago" che sbanca al botteghino. Poi l'improvvisa morte, durante le sessioni di doppiaggio del film. Lee fu colto da un attacco di vomito, febbre e forti convulsioni: fu trasportato in ospedale dove gli venne riscontrato un edema cerebrale, che lo portò alla morte tre mesi più tardi, a soli 32 anni. Un decesso definito "accidentale" dai medici ma che ancora oggi fa molto discutere. Così me quello del figlio Brandon, morto vent'anni sul set de "Il Corvo", in un tragico incidente. Un episodio che ha fatto parlare molti di "maledizione", anche se il mistero sembra molto più complesso.

Lee aprì una scuola dove insegnò tutti i segreti delle arti marziali agli americani, una decisione non particolarmente gradita dalla folta comunità cinese presente a San Francisco. Ipotesi sposata anche dal film "Dragon" del 1993 che racconta la sua storia. Intorno alla morte della star cinese sono state costruite molte leggende, dall’avvelenamento da parte di un’amante a una resa dei conti della mafia cinese e persino una mossa misteriosa sferrata a Lee durante un combattimento con il maestro di una scuola rivale. Ma il mito non é stato minimamente scalfito e per i patiti di arti marziali e degli action movie Lee continua a essere l’insuperabile maestro. Per questo Hollywood sta preparando un altro biopic "Birth of the dragon", dedicato al pioniere di un genere cinematografico che vanta ancora moltissimi appassionati e che negli anni ’60 diffuse la moda delle arti marziali in tutto l’Occidente. 


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]