Il Papa apre il turn over: Montenegro va a Palermo ma per Agrigento esplode il caso Mogavero

28 ottobre 2013 ore 11:54, Americo Mascarucci
Il Papa apre il turn over: Montenegro va a Palermo ma per Agrigento esplode il caso Mogavero
Sarà con ogni probabilità il vescovo di Agrigento Francesco Montenegro il successore di Paolo Romeo alla guida dell’Arcidiocesi metropolita di Palermo. Nel maggio scorso, Montenegro, è stato nominato presidente della Commissione per le migrazioni della Conferenza episcopale italiana, incarico che si è guadagnato per il modo in cui ha saputo gestire gli sbarchi dei profughi a Lampedusa.
Quando Papa Francesco a luglio ha scelto di visitare l’isola dove ogni giorno sbarcano immigrati provenienti dai principali teatri di guerra dell’Africa e del Medio Oriente, non ha voluto al suo fianco che Montenegro. Fonti vaticane fanno sapere che, già nel corso di colloqui privati, il Papa avrebbe preannunciato al vescovo agrigentino l’intenzione di nominarlo arcivescovo di Palermo al posto di quel Paolo Romeo che ha rassegnato le dimissioni per raggiunti limiti d’età. Come già avvenuto a Bologna con l’arcivescovo Carlo Caffarra, il Papa potrebbe prorogare di altri due anni il mandato di Romeo ma pare che questa ipotesi sia considerata molto remota. Non c’entrerebbe nulla lo scandalo Vatileaks e quella lettera riservata trasmessa alla Segreteria di Stato e finita nelle mani del ‘corvo’ che l’ha resa pubblica, nella quale l’arcivescovo palermitano è accusato di aver dato per sicura, durante un viaggio in Cina, la morte di Benedetto XVI entro il 2012. No, Francesco sembra deciso a puntare su Montenegro dopo averne apprezzato le straordinarie doti di pastore, in un contesto estremamente difficile come quello siciliano, dove il dovere dell’accoglienza per i disperati, i profughi e gli immigrati che ogni giorno a centinaia sbarcano sulle coste, deve essere coniugato con il bisogno di legalità già fortemente compromesso dalla presenza forte e radicata della criminalità organizzata. Se le indiscrezioni saranno confermate e Montenegro andrà a Palermo si renderà necessaria la sua sostituzione a capo della diocesi agrigentina. Si è fatto in proposito il nome dell’attuale vescovo di Mazara del Vallo Domenico Mogavero. Apriti cielo! Il nome del vescovo siciliano, postulatore della causa di beatificazione di don Puglisi, è visto come il fumo negli occhi in ampi settori della Curia romana. Mogavero infatti non ha mai mancato di manifestare il suo dissenso dalla linea ufficiale della Cei ogni volta che lo ha ritenuto necessario. Non solo, il vescovo di Mazara non ha disdegnato di accompagnare con una prefazione il libro “Wojtyla segreto” scritto da Giacomo Galeazzi e Ferruccio Pinotti. Una delle tante biografie dedicate al futuro santo; l’unico inconveniente sta nel fatto che questa biografia è stata scritta con l’intento di dimostrare quanto Giovanni Paolo II meritasse poco, o per niente, la beatificazione (figuriamoci la canonizzazione fortemente voluta da Francesco che avverrà nel 2014). E’ dunque evidente come il nome di Mogavero provochi più di un fastidio fra i cardinali di curia, soprattutto quelli più vicini a Wojtyla e Ratzinger. Ma si tratta anche di un prelato stimato per la sua alta preparazione giuridica e per la rettitudine morale che ha sempre contraddistinto il suo operato. Non a caso quando nel 2011 nella diocesi di Trapani è venuto alla luce lo scandalo finanziario che ha portato la Procura ad incriminare l’ex economo generale Nino Treppiedi, Benedetto XVI ha incaricato proprio Mogavero di relazionare sulla condotta del vescovo Francesco Miccichè. E sebbene la magistratura non abbia mosso rilievi penali in carico allo stesso Miccichè, la relazione presentata da Mogavero al Papa è stata talmente severa da aver convinto Benedetto XVI a rimuovere, fra mille polemiche, il titolare della diocesi trapanese. Ma c’è anche chi, ricordando l’impegno di Montenegro a Lampedusa non manca di evidenziare l’opportunità di far guidare la diocesi di Agrigento da un pastore esperto di immigrazione. Caratteristiche che sembrano ritagliate su misura proprio per il vescovo Mogavero.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]