Visco per la Giornata del Risparmio tranquillizza tutti: “Aumento dell’occupazione sosterrà i consumi”

28 ottobre 2015, Luca Lippi
Visco per la Giornata del Risparmio tranquillizza tutti: “Aumento dell’occupazione sosterrà i consumi”
Sarebbe stata la Giornata Mondiale del Risparmio, ma i protagonisti assoluti sono stati Visco, Patuelli e Padoan, podio tutto italiano. I temi più importanti trattati sono racchiusi in tre affermazioni tutte rassicuranti, Visco: "Nelle prossime settimane decisione sulla bad bank", Patuelli: "I mutui sono saliti del 92% in nove mesi. Il salvataggio delle banche coinvolgendo i depositi sopra 100mila euro non sarà la regola, ma un'eccezione", Padoan: "Con la Stabilità un forte taglio delle tasse, che andrà avanti". 

Le parole più importanti sono rivolte dal Governatore a tranquillizzare l’uditorio affermando: “La crescita dell'attività nel 2015 potrebbe superare quella indicata nelle nostre proiezioni di luglio, sfiorando l'1% … il significativo aumento dell'occupazione, che ha beneficiato anche dei provvedimenti del governo, continuerà a sostenere i consumi”. È utile ricordare che appena un mese fa lo stesso Visco lamentava una crescita troppo lenta, comunque di crescita si parla. 

È poi intervenuto Patuelli cui è stata affidata la difesa del ruolo delle banche nell’ambito della ripresa del Paese, esordisce: “I risparmi depositati e investiti in banca vengono trasformati in prestiti a famiglie e imprese italiane: questo circuito virtuoso sostiene la ripresa” noi a tale proposito abbiamo dedicato un articolo piuttosto eloquente, poi prosegue il Presidente dell’Abi: “Le banche in Italia sono fra i protagonisti della ripresa. I dati finora inediti, relativi ai primi nove mesi del 2015, rispetto al corrispondente periodo di un anno fa, vedono crescite delle nuove erogazioni di mutui alle famiglie del 92,1% (con il 30% di surroghe) e del 16,2% per i nuovi prestiti alle imprese”.

In realtà le cifre sciorinate da Patuelli non sono così “limpide” non perché false, ma perché (soprattutto secondo numerosi analisti) i dati boom di cui parla Patuelli non hanno alcun riscontro matematico con la ripresa del mercato immobiliare. Si è poi parlato di bad bank che Bankitalia giudica un progetto fattibile ma ancora sotto la lente dei tecnici. Riguardo le voci sul presunto fallimento di quattro istituti di credito italiani (nelle cronache in questi giorni) Visco e Padoan hanno sottolineato la rarità e la non responsabilità di Bankitalia (come organo di controllo) nelle vicende, tuttavia è fondamentale sottolineare che i risparmiatori sono stati prontamente tranquillizzati poiché il Governo e Bankitalia saranno garanti dell’articolo 47 della Costituzione (La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme), che al momento è ancora assai più forte del Bail-in incoraggiato dall’Europa. Nello specifico Patuelli torna sull’argomento dell’articolo 47 della Costituzione italiana giudicandolo “non è superato dalla possibilità del bail-in”.

Dunque la Giornata Mondiale si conclude con tante rassicurazioni e tante dichiarazioni in linea con la fiducia riposta nel futuro dal Governo.

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]