Vacca (5S) attacca Renzi: “Crollano le scuole e il Ponte sullo Stretto resta in piedi?"

28 settembre 2016 ore 15:28, Lucia Bigozzi
“Parlano da clown, ormai non siamo più nella logica umana ma al criterio della mera convenienza per raccattare qualche voto”. Non ci gira intorno Gianluca Vacca, parlamentare dei 5S che nell'intervista con Intelligonews commenta la vicenda del Ponte sullo Stretto con annesse polemiche politiche. Non solo: nel parallelismo tra Berlusconi e Renzi, spiega perchè il primo “è meglio del secondo”.

Se di Ponte parlava Berlusconi come ha fatto quando era premier scattava il sarcasmo, oggi le stesse cose le dice Renzi e l’opera viene considerata prioritaria, quando proprio il premier qualche tempo fa aveva espresso un’opinione diversa. Delle due l’una: o era una boutade con Berlusconi oppure lo è anche oggi con Renzi. Qual è la sua valutazione? 

"Stiamo parlando di politici che sembrano clown e quindi non siamo più nella logica umana, siamo ormai in presenza di uomini di spettacolo che un giorno dicono una cosa il giorno dopo l’opposto e parlano solo a convenienza. Oggi cercano di raggranellare voti dove possono e per questo spareranno tante di quelle balle da qui al 4 dicembre ma ormai non hanno più alcuna credibilità". 

Vacca (5S) attacca Renzi: “Crollano le scuole e il Ponte sullo Stretto resta in piedi?'
C’è una tattica di Renzi in chiave referendum? Se i sondaggi dicono che al Sud c’è un orientamento più marcato dell’elettorato a votare contro la riforma del Senato, il target sul Ponte può essere “l’arma” del premier per togliere consensi al fronte del no?   

"La nostra posizione sul Ponte è nota e non la cambiamo certo dall’oggi al domani. In questi giorni io ho ho fatto un report sul fatto che la stragrande maggioranza delle scuole di Calabria e Sicilia, oltretutto regioni sismiche, non sono a norma dal punto di vista anti-sismico e si tratta di percentuali che vanno dal 60 all’80 per cento. Se dovesse esserci un evento sismico cosa accade? Crollano le scuole e il Ponte sullo Stretto resta in piedi? Ma qui siamo alla follia…".  

Renzi da più parti è considerato l’incarnazione politica di Berlusconi. Condivide questa lettura?

"No, Renzi è peggio di Berlusconi. Qui siamo arrivati al punto in cui i cittadini rimpiangono Berlusconi…".

Perché?

"Perché almeno Berlusconi è sempre stato coerente con il suo pensiero, ma qua siamo di fronte a gente delirante che parla solo in base alla convenienza del giorno dopo: ovvero se un giorno mi conviene dire che sono a favore del Ponte lo dico, se tra due giorni non mi conviene più dico un’altra cosa: siamo oltre qualsiasi criterio logico e siamo di fronte a tanti ‘omuncoli’". 
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]