Terremoto Amatrice, a rischio l'area dei "Sibillini": escursioni sconsigliate

29 agosto 2016 ore 10:23, Americo Mascarucci
"Alto rischio smottamenti improvvisi a causa delle scosse di terremoto nella zona dei Monti Sibillini".
I tecnici del Soccorso Alpino Marche, congiuntamente al Corpo Forestale dello Stato e al Collegio delle Guide Alpine ( queste su richiesta diretta del Comune di Montemonaco e del Parco Nazionale dei Monti Sibillini ) stanno facendo verifiche in diversi siti della vasta area della zona del Vettore.
"Se nei prossimi giorni andate in montagna, nella zona nord della Valnerina e monti Sibillini o altre catene dell' appennino centrale - questi i consigli degli esperti del Soccorso alpino - vi raccomandiamo di fare molta attenzione". Viene consigliato di non andare ai laghi di Pilato o sulle creste meridionali dei Sibillini finché non si calmeranno le scosse di assestamento. Insicuro anche il tratto Foce-Svolte, mentre il sindaco di Montemonaco con un'ordinanza ha chiuso l'area dell'Infernaccio.

Terremoto Amatrice, a rischio l'area dei 'Sibillini': escursioni sconsigliate
Questo l'elenco delle zone più a rischio:
1- tutta la valle del Lago di Pilato;
2- creste del Vettore e del Redentore;
3- tutta la valle di foce di Montemonaco;
4- Lame Rosse;
5- Gole dell'Infernaccio;
6- Monte Priora;
7- Gole dell'Acquasanta di Bolognola;
8- Gole del Fiastrone;
9- strada del Fargno in particolar modo verso Bolognola;
10- strada del monte Sibilla.
Intanto squadre di ingegneri e tecnici dell'Istituto di geofisica e vulcanologia, sin dal 24 agosto, giorno della grande scossa di magnitudo 6.0, sono arrivate nei luoghi del terremoto del Centro Italia. 
Hanno portato gli strumenti per analizzare i cosiddetti "afteshock", le scosse che si sono susseguite (più di mille) alla prima e continuano a far tremare la terra , e per monitorare l'attivazione delle altre faglie contigue. Stanno da giorni battendo i monti circostanti alla ricerca della faglia. Oltre agli strumenti sismologici per monitorare i movimenti "in situ", valutare le caratteristiche dei terreni e la loro risposta alle onde energetiche, sono stati misurati i capisaldi geodetici già posizionati in passato. 


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]