Questione di fiducia (sull'Italicum): Brunetta via, entra in campo Gelmini

29 aprile 2015, intelligo
Questione di fiducia (sull'Italicum): Brunetta via, entra in campo Gelmini
Brunetta messo da parte? Oggi le dichiarazioni di voto sull'Italicum, su cui è stata posta la fiducia da Renzi, e Maria Stella Gelmini al microfono. Dov'è finito Renato?

Pare che il capogruppo alla Camera di Forza Italia sia stato messo momentaneamente a latere per colpa delle parole pronunciate ieri dopo l'annuncio del Ministro Boschi sulla decisione di Renzi. Serviva più moderazione. 

"Troppo duro Renato" sarebbe stata l'accusa di una parte (maggioritaria) della dirigenza, che ha ritenuto di chiedere e ottenere la sua "sostituzione" in campo oggi. Almeno così gli spifferi dal Transatlantico che vedono in Maria Stella in campo una voce più ponderata.

La Gelmini oggi si è concentrata sempre sul no del suo partito "sul merito e sul metodo" e "sulla rottura del metodo del dialogo” da parte di Renzi “e anche del confronto che appartengono a ogni sana democrazia e senza una distanza incolmabile da quello che per noi era stato il Patto del Nazareno”, ma lo ha fatto con toni diversi. 

Infine nel suo intervento la Gelmini ha richiamato i punti sui quali Fi è nettamente contraria: il premio alla lista e l’abbassamento “della soglia di ingresso in Parlamento a livelli lillipuziani, a misura del disegno di frantumazione ed eliminazione delle opposizioni. Al Senato votammo contro salvo poi accettare nel complesso la legge elettorale” in virtù del Patto del Nazareno che prevedeva anche l’accordo sulle riforme istituzionali. 

Più che i contenuti, sembrano cambiati solo i modi. 

(m.m.)

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]