2 anni e 2 mesi a Genny a' Carogna. Anche madre di Ciro lo difese

29 aprile 2015, intelligo
2 anni e 2 mesi a Genny a' Carogna. Anche madre di Ciro lo difese
''Sono indignata. Invece di arrestare quelli che hanno partecipato all'uccisione di mio figlio, arrestano Gennaro che invece avrebbe dovuto avere un premio per quello che ha fatto, evitando altri incidenti''.
Così diceva Antonella Leardi, la mamma di Ciro Esposito, morto in seguito agli scontri prima dalla finale di Coppa Italia, difendeva Genny a' Carogna.

E oggi, all’indomani del rinvio a giudizio dell’ex ultrà della Roma Daniele De Santis per l’omicidio di Ciro Esposito, il gup del Tribunale di Roma Giulia Proto ha condannato quattro tifosi napoletani, tra i quali proprio lui, Gennaro De Tommaso.

Il rito è stato abbreviato e riguardava i partecipazione agli incidenti avvenuti in occasione dell’incontro di Coppa Italia tra Fiorentina e Napoli. 

Per Jenny a' Carogna 2 anni e 2 mesi di reclusione per una serie di violenze avvenute sia all’esterno (è stato ritenuto  responsabile d'aver guidato le violenze avvenute tra piazza Mazzini e ponte Milvio), sia all’interno dello stadio (ha scavalcato la recinzione della curva Nord dello stadio interfacciandosicon i giocatori e la Polizia per l'inizio alla partita).

Le altre condanne: 1 anno e 8 mesi, con sospensione condizionale della pena, a Mauro Alfieri, Genny Filacchione e Salvatore Lo Presti.

Massimiliano Dentice andrà a processo con rito ordinario. 

Assolto invece De Tommaso per aver indossato una maglia con su scritto "Speziale libero"...

(m.m.)
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]