De Luca resta in carica e in “attesa di giudizio”: i giudici rinviano. Attesa la Consulta

29 dicembre 2015 ore 11:05, Americo Mascarucci
Vincenzo De Luca resta governatore della Campania, almeno per ora. E' quanto hanno deciso i giudici di Napoli chiamati a pronunciarsi sul merito della sospensione inflitta dal Governo cui si è opposto De Luca.
Il presidente della Regione si è visto infliggere una condanna di primo grado per abuso d’ufficio in veste di ex sindaco di Salerno. 
Secondo la Legge Severino dovrebbe essere sospeso dall'incarico per diciotto mesi. Quando De Luca la scorsa primavera si è candidato Governatore dopo aver vinto le primarie del Partito Democratico campano, pur essendo stato già condannato, il Movimento 5Stelle aveva presentato un ricorso al Tar denunciando come l’ex sindaco fosse di fatto incandidabile proprio in virtù della Severino. I giudici amministrativi però rigettarono il ricorso dei grillini sostenendo che De Luca era candidabile e che semmai il problema si sarebbe posto successivamente in caso di elezione.
In pratica secondo i giudici del Tar la Severino si poteva applicare agli amministratori in carica e non preventivamente ai possibili futuri governatori.  
De Luca resta in carica e in “attesa di giudizio”: i giudici rinviano. Attesa la Consulta
L’elezione è arrivata e ovviamente si è posto il problema della permanenza del Governatore in carica. Il Governo ha subito sospeso De Luca applicando la Severino alla lettera ma lui si è rivolto al Tribunale di Napoli contestando la legittimità del provvedimento e chiedendone la sospensione. Il Tribunale ha quindi sospeso l'efficacia del provvedimento del Governo in attesa del pronunciamento di merito. Pronunciamento che è arrivato oggi ma che di fatto equivale ad un altro rinvio. 
La prima sezione del tribunale civile di Napoli ha infatti rinviato il giudizio di merito relativo alla sospensione per effetto della legge Severino, in attesa della pronuncia della Consulta chiamata a decidere sulle eccezioni di incostituzionalità. In pratica De Luca resta in “attesa di giudizio” aspettando che sia la Corte Costituzionale a dirimere la vicenda in maniera definitiva. 


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]