Fucksia, ma non di rabbia. L'espulsione irregolare a 5Stelle "un complotto", ma le fa comodo

29 dicembre 2015 ore 10:30, Americo Mascarucci
Alla fine Serenella Fucksia è stata espulsa. 
La senatrice del Movimento 5Stelle non ha superato la “prova di rete” ed è stata "cacciata" in seguito alla consultazione lanciata online sul blog. L’accusa per lei è di non aver restituito parte dell’indennità da parlamentare come prevede il regolamento interno al Movimento e il codice etico. Lei si è difesa sostenendo che si tratta soltanto di un ritardo dovuto a problemi di salute suoi personali e di problemi di ordine tecnico, accusando Grillo di aver creato il pretesto dei soldi non restituiti per liberarsi di lei, essendo poco propensa a sottostare ai suoi diktat.
 "Sono in ritardo perché non ho avuto con me il collaboratore - si è difesa - e quindi stavo approfittando delle vacanze di Natale per ultimare gli inserimenti. Avevo anche mandato una mail a Tirendiconto.it per spiegare che avrei completato tutto. Il voto contro di me comunque è assurdo. Ho avuto problemi logistici e di salute, lo sanno tutti, la procedura di espulsione avviata nei miei confronti è una scusa, una manovra costruita ad arte da qualcuno perché sono scomoda"
Fucksia, ma non di rabbia. L'espulsione irregolare a 5Stelle 'un complotto', ma le fa comodo
Polemiche a parte il dato di fatto è che la Fucksia è stata espulsa a furor di popolo, o meglio a furor di web.
 “Quando c’è una violazione così smaccata del regolamento, parliamo di rendicontazioni mancanti dall’aprile scorso, non c’è bisogno del passaggio in assemblea. Sarebbe pleonastico” attacca Roberta Lombardi in un’intervista a La Repubblica. Infatti, prima di far pronunciare il web, il regolamento prevede che l’espulsione sia decisa dall’assemblea dei parlamentari; in pratica il popolo della rete è chiamato a ratificare ciò che hanno deciso prima i gruppi parlamentari. In questo caso invece il passaggio fra i parlamentari è stato saltato e si è deciso di far decidere l’espulsione della Fucksia direttamente dalla rete. Il regolamento recita testualmente: "I parlamentari del M5S riuniti, senza distinzione tra Camera e Senato, potranno per palesi violazioni del Codice di Comportamento, proporre l’espulsione di un parlamentare del M5S a maggioranza. L’espulsione dovrà essere ratificata da una votazione on line sul portale del M5S tra tutti gli iscritti, anche essa a maggioranza".
Questo è quanto prevede il Regolamento che a quanto pare nel caso della Fucksia sarebbe stato violato. Perché? Il motivo sta nel fatto che la senatrice diversamente da altri parlamentari nelle sue stesse condizioni che si sono messi in regola, non ha ottemperato ai richiami che le sarebbero stati inoltrati più volte negli ultimi mesi, motivo che quindi la esporrebbe ad una violazione ancora più palese come sostiene la Lombardi. I maligni invece sostengono che la decisione di derogare il regolamento e passare subito per la consultazione online stia nel fatto che, con le festività in pieno svolgimento l’assemblea dei parlamentari non si sarebbe potuta riunire prima del 15 gennaio circa e la Fucksia avrebbe avuto tutto il tempo di mettersi in regola. 
Una tesi che avvalorerebbe le accuse della senatrice relativamente ad una volontà di epurazione nei suoi confronti da parte dei vertici del Movimento. Però, regolamento alla mano, la Fucksia ora potrebbe impugnare l’espulsione e contestare le modalità con cui tale decisione è stata adottata. La diretta interessata finora non ha però fatto riferimento a possibili ricorsi da inoltrare per annullare la decisione. Chissà che alla fine questa espulsione tutto sommato al di là delle dichiarazioni di rito non sia gradita in primo luogo proprio a lei, che da oggi in poi avrà le mani libere per muoversi in Parlamento come meglio crede? Anche perché la Fucksia già da tempo è in polemica con il Movimento al punto che già in passato era dovuto intervenire Gianroberto Casaleggio per bloccare una richiesta di espulsione avanzata dai militanti di Fabriano che l’accusavano di essersi dimenticata del territorio in cui è stata eletta. Può darsi insomma che anche per lei, prima che per i 5Stelle sia davvero finito un "tormentone".
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]