Salvini ribatte a Vendola: "Volgare è affittare una donna. Squadrismo è impedire le opinioni"

29 febbraio 2016 ore 15:22, Lucia Bigozzi
Il botta e risposta tra Nichi Vendola, neo-papà e Matteo Salvini il “ruspista” tiene banco sui social. Intelligonews ha intercettato il leader della Lega gongolante per l’esito delle primarie ai gazebo della Lega sui candidati del centrodestra al Campidoglio. Mossa che in qualche modo “rompe le uova nel paniere” a Bertolaso voluto da Berlusconi. Nell’intervista, torna sul caso Vendola ma non si è “pentito”. 

Botta e risposta al fulmicotone tra lei e Vendola che l’accusa di “insulti squadristi”. Si sente uno squadrista?

«Ma figuriamoci. Io ho espresso il mio pensiero. Squadrismo, invece, è quando si impedisce di manifestare liberamente la propria opinione. Il fatto che due uomini vadano da un’altra parte del mondo, affittino un corpo pagando e poi dicano ‘siamo papà’ , secondo me è follia e penso di poterlo dire essendo condiviso dalla maggioranza degli eterosessuali, degli omosessuali e dei marziani… Va bene tutto, ma mi sembra che qui siamo al mercato delle creature».
 
La Santanchè pur essendo contraria alle adozioni gay, saluta la nascita del bambino di Vendola e del compagno e accusa chi vorrebbe tirarlo nella polemica. Condivide?

«Anch’io faccio i miei migliori auguri di buona vita al bambino che è appena nato ma che, sicuramente, non crescerà nelle auspicabili condizioni»

Il segretario del Partito Comunista Rizzo a Intelligonews è critico sul caso Vendola e lamenta che le priorità non solo la sua scelta di essere padre bensì il lavoro che non c’è e le condizioni in cui oggi vive il proletariato. Poi aggiunge: dal proletariato alla prole. Qual è la sua valutazione? 

«E’ una grande contraddizione ma secondo me si tratta di una questione più alta, nel senso che io nelle fabbriche ci vado e ci sto e combatto fino all’ultimo respiro la legge Fornero, ma qui il punto è su una visione del mondo e della società. Considero la vicenda Vendola un caso di ricco egoismo, inteso come egoismo di chi può permettersi di andare all’estero e pagare per portare a casa un bambino. Aggiungo: secondo me è veramente volgare affittare una donna che partorisce e poi sparisce. Quando ci sarà la festa della mamma questo bambino a chi lo fa il regalo? A Nichi o al suo compagno? ».

Stralciate al Senato, le adozioni gay rientrano dalla finestra alla Camera col ddl che si appresta a presentare il Pd. Come commenta? 

«Stanno veramente prendendo in giro gli italiani. Qui l’allarme, l’emergenza è il lavoro, l’economia che non gira, l’immigrazione che non si ferma e questi che fanno? Pensano di tenere inchiodato il parlamento per altri mesi a parlare di adozioni gay?  Noi non vivendo nel Palazzo ma in strada e nelle fabbriche, stiamo portando avanti la nostra battaglia per la cacciata di Renzi dal Palazzo ma anche dalla strada e dalla fabbrica»

Campidoglio: con le primarie ai gazebo è riuscito a guastare la festa a Bertolaso?

«Sono strafelice. Spero sia l’inizio di una vittoria a Roma»
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]