Maltempo, Calabria in ginocchio. Mamma sul tetto dell'auto, vittime e danni in Italia

29 febbraio 2016 ore 16:53, Lucia Bigozzi
Italia flagellata dal maltempo. La fotografia rimanda uno scenario da emergenza. Al quale si aggiunge un tragico bilancio: sei morti in pochi giorni. In Piemonte è morta una donna raggiunta alla testa da una lastra di pietra e ghiaccio che si è improvvisamente staccata dal tetto di un’abitazione a Limone Piemonte, in provincia di Cuneo. Ma solo nella giornata di domenica le vittime del maltempo sono state cinque. In Calabria un agricoltore ha perso la vita al volante della sua auto mentre tornava a casa, travolto da un albero nella strada in direzione di Laureana di Borrello. In provincia di Macerata, invece, un umo è morto dopo essere finito con la sua vettura in un torrente e altre due persone sono decedute per la caduta di un albero, sradicato dal forte vento, che si è abbattuto sulla loro abitazione. In quest’ultimo caso, la disgrazia è accaduta in provincia di Caserta, in Campania. Un morto anche in Veneto, alle porte di Verona dove un uomo è morto dopo essere caduto in un fiume. Disagi e paura anche al Centro. All’isola d’Elba sono ancora in corso le ricerche di un pescatore di cui da sabato sera non si hanno più notizie. Si tratta di un cittadino tunisino che tra pochi giorni sarebbe dovuto partire a bordo di un peschereccio in partenza da Portoferraio. A dare l’allarme è stato il fratello dell’extracomunitario e secondo una prima ricostruzione, gli uomini che partecipano alle ricerche non escludono che possa essere caduto in acqua proprio per le cattive condizioni meteo. E nel tardo pomeriggio è arrivata la notizia del ritrovamento 

Maltempo, Calabria in ginocchio. Mamma sul tetto dell'auto, vittime e danni in Italia
Danni ingenti sono stati provocati dalla pioggia battente, dalla grandine, ma anche dalla grandine che si è abbattuta un po’ ovunque. In Calabria saranno eseguiti sopralluoghi dagli uomini della Protezione civile, i tecnici regionali e di Calabria Verde, insieme alle strutture comunali, per fare la conta dei danni provocati dalle fortissime raffiche di vento soffiate ieri sulla regione, con punte di 135 km orari. A Cosenza, Rende e Reggio Calabria, dove il vento ha provocato molti danneggiamenti, le scuole restano chiuse. Ma le scuole oggi sono rimaste chiuse anche nel Modenese, a Bomporto, Bastiglia e Sozzigalli di Soliera. La notte scorsa, infatti, è scattata l’allerta massima per la piena del fiume Secchia. Attimi di paura alle porte di Roma, a Castel Madama per una madre e le sue due bambine di 7 e 14 anni tratte in salvo dai vigili del fuoco dopochè erano state costrette a salire sul tetto della loro vettura rimasta impantanata nei pressi di un torrente. Disagi anche per i voli: a Ciampino per il forte vento un piccolo aereo si è spostato sulla pista e la Regione Lazio fa sapere che sono stati 44 “gli interventi della Protezione Civile Regionale a causa del maltempo”. Per la maggiorparte si è trattato di rimozione di rami sradicati dalle raffiche di vento. Nel golfo di Napoli problemi si sono registrati per i collegamenti con le isole. E la situazione non è destinata a migliorare nelle prossime ore perché le condizioni meteomarine parlano di un peggioramento, con raffiche di vento di scirocco che potrebbero anche superare i 100 km orari.
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]