Eurispes, ecco gli italiani: "bio", fiduciosi nelle Istituzioni ma non vogliono le adozioni gay

29 gennaio 2016 ore 11:08, Adriano Scianca
A prima vista potrebbe suonare strano, in tempi di vacche magre e di problemi interni e internazionali a non finire. Tuttavia registriamo il dato così come è: Eurispes fa sapere che cresce il consenso degli italiani nelle istituzioni e nelle forze dell’ordine. Il dato è contenuto nel Rapporto Italia 2016
La rilevazione su papa Francesco conferma livelli molto alti se il raffronto è con personalità altrettanto autorevoli del mondo economico o politico, ma si tratta di una percentuale col segno meno: il Rapporto Eurispes dice che l'81,6% degli italiani riconosce a Francesco il merito di aver ridato slancio alla Chiesa ma la percentuale che solo nel 2014 era pari all’87,1 per cento, nel 2015 era salita all’89,6 per cento.  
Tra i capitoli rilevati, la fiducia dei cittadini cresce anche negli apparati di Intelligence e non è difficile capire che sia a causa degli scenari geo-politici internazionali minacciati dall’Isis. Altra particolarità, riguarda la lieve flessione del gradimento nei confronti di papa Francesco che tuttavia conquista vette più altre di consenso rispetto ad altri nomi autorevoli e altisonanti del panorama economico e politico. Sul in versante dell’allarme terrorismo, il Rapporto Eurispes sottolinea che c’è un effetto diretto sulla popolazione perché si evidenzia che gli italiani temono attentato, al punto che uno su quattro ha deciso di cambiare abitudini e stile di vita. Da un tema all’altro: gli italiani si scoprono sempre più “verdi”, “bio” e particolarmente affezionati agli animali domestici. Il sondaggio racconta che rispetto al 2015 (2,4 per cento) il gradimento nei confronti di istituzioni e cariche dello Stato sale al 7 per cento. Il presidente Mattarella è apprezzato dal 52 per cento del campione ma non manca un 29,4 per cento che considera il suo ruolo non ancora efficace o incisivo. Il governo ottiene un balzo in avanti di dieci punti passando dal 18,9 per cento del 2015 al 28,6 per cento dell’anno appena iniziato. Particolarmente gettonate le novità relative alla riduzione dell’Ires o l’abolizione dell’Imu, ma anche l’ipotesi di accorpamento del Corpo Forestale dello Stato all’interno dell’Arma dei Carabinieri. Più fiducia nelle forze di polizia. Balzo in avanti di circa dieci punti rispetto al 2015: nella top ten dei più “graditi” ci sono i Carabinieri. Per quanto riguarda l’Intelligence, in un anno conquista due punti percentuali in più. 

Eurispes, ecco gli italiani: 'bio', fiduciosi nelle Istituzioni ma non vogliono le adozioni gay
Un tema di stringente attualità: la tutela giuridica delle coppie di fatto, indipendentemente dal sesso, va garantita per il 67,6 per cento – dicono gli italiani sondati – ; quanto al tema delle adozioni gay e dell’utero in affitto la percentuale dei sì si mantiene al di sotto della soglia del 50 per cento: le adozioni gay ottengono il 29 per cento dei consensi e la pratica dell’utero in affitto passa dal 49,8 per cento del 2015 di cittadini favorevoli al 38,5 per cento dell’anno appena iniziato. Infine, sui matrimoni gay è favorevole il 47,8 per cento del campione, ovvero il 7 per cento in più rispetto allo scorso anno. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]