Mps verso il risanamento, in attesa della Bce tocca a Passera-Ubs

29 luglio 2016 ore 11:55, Luca Lippi
Forse un colpo di scena o forse no, ma il fatto è che sul filo di lana, proprio alla vigilia della presentazione del piano di salvataggio ordito dalla Bce con la regia di Jp Morgan e Mediobanca, che prevede il coinvolgimento del fondo Atlante e un aumento di capitale da 5 miliardi, nella stessa assemblea si mette a verbale la consegna nelle mani del presidente di Mps, Massimo Tononi, di due lettere, una di Corrado Passera e una di Ubs.
Le due lettere contengono un piano di salvataggio alternativo a quello promosso dalla Ue e oggi sraà meglio presentato e illustrato dallo stesso Passera al consiglio di amministrazione convocato a Siena per l’esame dei conti semestrali, consiglio che è già al corrente dell’articolata proposta, contenuta in quattro fogli.

Mps verso il risanamento, in attesa della Bce tocca a Passera-Ubs

Corrado Passera rappresenta una cordata di investitori statunitensi, principalmente Fondi, contestualmente Ubs dovrebbe intervenire come garante di tuta l’operazione, usiamo il condizionale perché Ubs non ha rilasciato alcuna dichiarazione sull’operazione.
A questo punto non resta che aspettare il consiglio di oggi, e comunque conforta i risparmiatori sapre che ci sarebbero già due salvatori, rimane solo da capire a quale prezzo.
Secondo indiscrezioni (fonte Il Sole24Ore), una raccolta di capitale fresco più limitata, nell’ordine di 2,5-3 miliardi di euro. A cui si aggiungerebbe invece una parziale conversione in azioni di strumenti obbligazionari subordinati (Additional tier 1) e un’azione di revisione della gestione delle passività (liability management). Si poggerebbe su questi pilastri il piano alternativo per il Monte targato Ubs-Passera. 
Un piano, a cui avrebbero lavorato l’ex capo di Intesa Sanpaolo e il top manager di Ubs Andrea Orcel nel corso delle ultime settimane, il cui valore complessivo si aggirerebbe comunque sui 5 miliardi di euro. E che sarebbe “montato” comunque sull’architrave costituita dall’operazione di cartolarizzazione sviluppata con Atlante.
Nel disegno della banca d’affari svizzera e dell’ex numero uno di Intesa Sanpaolo, che nel piano assumerebbe il ruolo di nuovo Ceo, sarebbe salva la trasformazione dei 27 miliardi lordi di sofferenze del Monte in tranche equity, mezzanine e senior di obbligazioni Abs.
La differenza principale rispetto alla proposta targata JpMorgan, Mediobanca e Lazard, sarebbe dunque nella modalità di recupero dei 4-5 miliardi che servirebbero per colmare le perdite derivanti dalla cessione degli Npl a un prezzo inferiore a quello di libro e all’aumento delle coperture sui crediti unlikely to pay. 
Dunque Passera, verosimilmente, si candiderebbe a “gestire” la banca? E se Ubs garantirà sufficiente forza finanziaria al progetto, i problemi di Mps potrebbero essere risolti senza l’intervento del fondo Atlante?  Anche niente aumento di capitale per il quale nei giorni scorsi sono state contattate una ventina di istituzioni finanziarie, al fine di comporre il consorzio di garanzia?
La Fondazione Mps, che oggi ha l’1,49% del capitale, ha già fatto sapere che non parteciperà all’annunciato aumento di capitale, ora la proposta Passera-Ubs apporta ulteriore incertezza a una vicenda che si è protratta troppo a lungo e forse è stata anche esagerata oltremodo, basta controllare i bilanci di marchi blasonati del mondo finanziario italiano e si può vedere con assoluta trasparenza che Mps non sarà al suo massimo splendore ma mai peggio di altri gruppi assai più grandi sia in Italia e soprattutto in Europa.
Vediamo se Corrado Passera, ex numero uno di Intesa Sanpaolo ed ex ministro dello Sviluppo, sarà l’uomo in grado di cambiare la storia, secolare, del Monte dei Paschi di Siena. 
Intanto in Borsa le banche sono sostanzialmente positive, Monte Paschi all’apertura non fa prezzo, si aspetta la pubblicazione degli stress test attesi per le 22:00, soprattutto si attende la pubblicazione del piano di ingegneria finanziaria di Corrado Passera per Mps.

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]