Se D’Alema dà una lezione alla Boschi sui bimbi congolesi

29 maggio 2014 ore 12:09, intelligo
Se D’Alema dà una lezione alla Boschi sui bimbi congolesi
Due istantanee. Prima, dopo: in mezzo due stili diversi con una spruzzata di polemica. Il fatto riguarda la foto del ministro Boschi che scende la scaletta dell’areo di Stato tenendo per mano due bambini congolesi riportati in Italia da Kinshasa insieme ad altri piccoli adottati da 34 famiglie italiane, da otto mesi bloccati nella capitale del Congo. Fine di un incubo. La polemica si appunta su quella foto.
C’è chi non ha gradito quello che viene definito “uno show”, con tanto di book di foto in volo e il racconto di viaggio “mi hanno fatto una treccina”. Non solo: c’è anche chi, nei ranghi dem, si interroga sul perché “un ministro che non ha avuto un ruolo chiave nella trattativa, e che infatti ha ringraziato i funzionari di un ministero che non è il suo, della Farnesina, organizza questa passerella?”. A stabilire un “parallelo” che suona più come una “lezione” è Chiara Geloni, ex direttrice di YouDem la tv del Pd, bersaniana di ferro che twitta un video datato 2012: festa dell’Unità, intervista a Massimo D’Alema. L’ex premier in quell’intervista, racconta di un caso umanitario che risolse in Libia: “Tornare e scendere con due bambine e fare le foto era una tentazione quasi irresistibile. Feci fermare l’aereo sulla pista, feci arrivare una macchina con i vetri oscurati e se ne sono andate via. Nessuno le ha mai viste. Mai. Ed è rimasta un’amicizia privata. Lei capisce che la politica fatta così è difficile che piaccia. Però io ne sono orgoglioso”. Meglio la Boschi o D’Alema?
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]