De Luca, Mussolini attacca: "Ma come si fa a votare in questa condizione?"

29 maggio 2015, Marco Guerra
De Luca, Mussolini attacca: 'Ma come si fa a votare in questa condizione?'
Renzi non farà applicare la legge Severino perché secondo me c'è una sorta di patto con De Luca. È il primo commento a caldo rilasciato ad Intelligonews dall’europarlamentare di Fi, Alessandra Mussolini, riguardo alla presenza del candidato del Pd alla Regione Campania, Vincenzo De Luca, nelle liste degli incandidabili rese note dalla commissione antimafia.

Mussolini come commenta l’incandidabilità di De Luca decretata dalla Commissione parlamentare anti-mafia?

“Guardi a me sembra che tra Renzi e De Luca esista un patto, altrimenti non si spiegherebbe quanto sta accadendo”.

Magari alla fine Renzi si aspettava che De Luca fosse dichiarato eleggibile?

“Tutti sapevano come sarebbe andata a finire, invece Renzi ha perfino mandato la Boschi, un ministro della Repubblica, a sostenere la candidatura problematica di De Luca alla presidenza della Regione Campania in una fase delicatissima della campagna elettorale. Tutto questo è devastante...è eversivo! Il premier sta appoggiando un candidato che per mille ragioni e non dovrebbe essere a quel posto. Se Forza Italia avesse fatto la metà della metà di quello che sta facendo il Pd con la questione De Luca saremmo già stati stoppati da diverse istituzioni”.

Però, dica la verità, per voi è una bella soddisfazione questa notizia a due giorni dal voto?  

“Ma come si fa a votare in questa condizione?”

Forse molti cittadini cambieranno idea e voteranno Caldoro?

“Ma staremo a vedere”.

E allora cosa succederà secondo lei?

“Niente, che non applicheranno la Severino, questo secondo me succederà. Vede mi spiegava il prefetto di Napoli che lui è tenuto a trasmettere al presidente del Consiglio sia la proclamazione del governatore sia la sentenza di condanna che arriva dalla cancelleria del tribunale di Salerno. Insomma, ripeto, faranno di tutto pur di non far applicare la Severino mentre tutti devono ricordare che con Berlusconi la Severino fu applicata retroattivamente. Ma quello fu un colpo di Stato e adesso ne abbiamo la prova”. 
autore / Marco Guerra
Marco Guerra
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]