Giulietto Chiesa avverte: “Se la Clinton va al potere è a rischio la pace globale”. E "sui servizi deviati"...

29 marzo 2016 ore 12:54, Marco Guerra
“Se la Clinton va al potere è rischio la pace globale”. Il giornalista e scrittore Giulietto Chiesa analizza per Intelligonews la crisi terroristica in Europa e la situazione americana. “I servizi dei Paesi europei non sono impreparati – sostiene Chiesa – piuttosto mi vien da dire in parte complici del terrorismo sunnita”. 

Dalle indagini sugli attacchi di Bruxelles sta emergendo un quadro di impunità e libertà in cui si sono mossi i terroristi belgi, a cui è stato concesso di muoversi da una Paese all’atro nonostante precedenti condanne e i sospetti che pendevano su di loro.  Sotto accusa è l’impreparazione dei servizi di mezza Europa. Lei che idea si è fatto? 

Giulietto Chiesa avverte: “Se la Clinton va al potere è a rischio la pace globale”. E 'sui servizi deviati'...
“Io non parlerei di impreparazione dei servizi, ci sono delle complicità europee in tutta questa storia. Questa è la mia versione: ci sono delle complicità esplicite. Le indagini non vengono fatte nella direzione giusta perché cè una sorta di complicità dei servizi segreti europei nei confronti del terrorismo sunnita. È molto semplice. In tutti gli attacchi, da Charlie Hebdo a Bruxelles, si potrebbero notare prove di complicità di settori di servizi deviati di Paesi europei nei confronti del terrorismo di matrice sunnita”. 

Quindi quando questi personaggi passano da un Paese all’altro indisturbati è perché godono di alcune protezioni? 

“Ribadisco, non tutti i servizi sono inquinati, ma ci sono alcuni settori deviati che potrebbero collaborare col terrorismo come avvenne esattamente nel caso della strategia della tensione in Italia”.

Intanto anche negli Usa si dice che l’Europa è impreparata. Trump lo ha ripetuto più volte sollevando molte polemiche…

“Per quanto mi riguarda tra i due candidati la più pericolosa ai fini della pace internazionale è la signora Hillary Clinton. Lei ha svolto suo ruolo di segretario di Stato nel modo peggiore possibile; ha favorito la guerra di Libia e ha sostenuto apertamente la guerra in Siria. Insomma se questa signora va al potere per me si mette a repentaglio la pace mondiale”. 

Quindi Trump è solo un macchietta messa lì per favorire l’ascesa della Clinton? Della serie è talmente impresentabile che il candidato democratico non potrà non vincere…

“Il problema non è Trump ma la politica americana che fa pena. Il partito repubblicano non ha saputo presentare nulla di meglio, gli altri due candidati sono peggio del miliardario americano. Trump è una catastrofe di livello nazionale per gli Usa, ma non si può scaricare la responsabilità su una sola persona. È che la politica americana sta precipitando nel nulla. Quando tre candidati del Partito Repubblicano sono uno più impresentabile dell’altro, beh che uno di questi tre diventi comunque il candidato alla presidenza è purtroppo una certezza. Anzi è il risultato del crollo dei valori della democrazia in quel Paese”. 

Intanto l’Europa a livello di opinione pubblica è divisa tra chi disegna con i gessetti il simbolo della pace e chi vorrebbe gridare in piazza con gli ultras. Siamo messi davvero così?

“Non mi sembra una descrizione molto attendibile. Certo c’è molta paura, molto distacco tra l’elites politiche e il popolo. Quello che si vede guardando in maniera più ampia la situazione, i dirigenti europei sono scollegati dal popolo e questo produce un grave disagio generale. Che poi la gente vada un po’ a sinistra e un po’ a destra - prevalentemente a destra questo periodo – è una conseguenza del fatto che non sa dove andare, ed è solo colpa dei gruppi dirigenti”. 


autore / Marco Guerra
Marco Guerra
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]