Addio spie social: Instagram avverte con la "notifica screenshoot"

29 novembre 2016 ore 16:34, Andrea De Angelis
I post si autodistruggono, ma non basta. Dunque occorre "spiarli". La filosofia cara a Snapchat non ha accontentato i social, così seppur programmati per autoeliminarsi dopo un giorno, infatti, le foto e i video di Instagram e Stories possono essere “catturati” e ripubblicati in qualsiasi momento da altri utenti.

Come fare allora? Semplice, servirebbe sapere chi e come ha "salvato" quel nostro post che volevamo rendere pubblico solo per un giorno. E se il motivo lo si può solo intuire (ad esempio, tanto per citarne uno, ricondividerlo in un futuro più o meno prossimo), l'autore ora è identificabile. Da qui la funzione "anti-spioni" ideata dal colosso dei social. 

Addio spie social: Instagram avverte con la 'notifica screenshoot'
L’avviso, noto anche come notifica degli screenshot, viene inviato immediatamente al proprietario dell’account sul quale viene rilevata la fatidica istantanea sullo schermo, ma anche all’utente che l’ha effettuata, con tanto di richiesta su un’eventuale intenzione di ripubblicare la foto. La funzione per il primo è ovvia, per il secondo è una sorta di alert, come a dire: "Sappi che so cosa hai fatto, e lo sa anche l'autore del post". 
Insomma, niente male come idea. Anche se poi la vecchia, sana e saggia idea di fondo rimane: meglio pensare due, anche tre volte prima di postare foto o contenuti. Perché la memoria dei social è quasi sempre più potente della nostra. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]