Berlino tuona: “Espulsione diplomatici Usa se colpevoli di spionaggio”

29 ottobre 2013 ore 17:58, Francesca Siciliano
Berlino tuona: “Espulsione diplomatici Usa se colpevoli di spionaggio”
Aut aut del governo tedesco, che è tornato a battere i pugni sullo scandalo delle intercettazioni da parte della Nsa.
Il ministro dell'Interno Hans-Peter Friedrich, intervenendo nella trasmissione radiofonica dell'emittente ARD, ha avvertito che nel caso in cui venisse dimostrata la partecipazione di un diplomatico americano alle operazioni di spionaggio in violazione della legge tedesca questo verrebbe chiamato a rispondere delle proprie azioni. Con la conseguente possibilità di espulsione dal Paese. «Spiare è un reato ed in Germania facciamo in modo che venga rispettata la legge» In pratica: prima che possano portare all'adozione di contromisure diplomatiche dovranno essere confermate le informazioni giornalistiche. Di fronte ad eventuali prove, tuttavia, «dovranno arrivare le corrispondenti conseguenze». «E'  chiaro – ha continuato il ministro dell'Interno - che se qualcuno a Berlino, dall'ambasciata americana o qualunque altro luogo, si sia reso responsabile o viene trovato colpevole dovrà essere sanzionato conseguentemente. E se si tratta di un diplomatico, dovrà lasciare immediatamente il Paese». Anche perché «non sarebbe la prima volta che si espelle un diplomatico dalla Germania».
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]