Influenza 2016/2017 più cattiva col fattore meteo: 2mln in più "le vittime"

29 settembre 2016 ore 10:01, Micaela Del Monte
Con l'arrivo della nuova stagione e dei primi freddi è inevitabile che arrivino anche i primi malanni. Quest'anno però l’influenza che verrà si annuncia più cattiva rispetto a quella degli anni passati: colpirà 6-7 milioni di italiani, ma sommata ai virus ‘cugini’ delle sindromi parainfluenzali potrebbe mettere a letto fino a 15-17 milioni di connazionali. Questi i numeri previsti per la prossima stagione invernale da Fabrizio Pregliasco, intervenuto oggi a Milano a un incontro promosso da Assosalute-Associazione nazionale farmaci di automedicazione. L’influenza 2016-2017, spiega l’esperto, farà ammalare circa 2 milioni di persone in più rispetto all’edizione 2015-2016 quando sono stati registrati meno di 5 mln di casi.

Influenza 2016/2017 più cattiva col fattore meteo: 2mln in più 'le vittime'
"Tutto dipenderà anche dall'andamento del meteo",
tiene a precisare Pregliasco, virologo e ricercatore del Dipartimento di Scienze biomediche per la salute dell'università degli Studi milanese e direttore sanitario dell'Irccs Galeazzi del capoluogo lombardo. "Se questo inverno dovesse essere più lungo e freddo - dice - sicuramente si avranno molti più pazienti influenzati; se invece sarà un periodo con molti sbalzi termici si ridurrà la quota di vera influenza, ma potrebbero esserci più casi di sintomi simili-influenzali".

Dei 3 virus influenzali attesi per quest'anno, 2 sono 'new entry'. "Secondo le previsioni - riferisce Pregliasco - a circolare saranno il virus A/California/7/2009", l'H1N1 responsabile della 'pandemia' del 2009, "insieme al virus A/Hong Kong/4801/2014 (H3N2)-nuova variante, e al virus B/Brisbane/60/2008 (lineaggio B/Victoria)-nuova variante, tutti presenti nella nuova composizione vaccinale". E se per l'influenza vera "c'è ancora tempo, è bene iniziare a pensare alla vaccinazione che partirà come ogni anno da ottobre", raccomanda lo specialista. L'iniezione 'scudo' è consigliata in particolar modo ai soggetti più a rischio ai quali si rivolge la campagna vaccinale, perché una mancata prevenzione può causare gravi rischi alla salute.

"I pochi casi sporadici di influenza che sono stati già isolati - evidenzia il virologo - dimostrano da un lato l'efficienza degli attuali sistemi di sorveglianza e dall'altra 'ci fanno gioco' perché i ceppi individuati sono quelli contenuti nel vaccino di quest'anno". In altre parole, "confermano più che mai l'opportunità di aderire a una forma di prevenzione efficace e sicura".

Gli epidemiologi parlano di un possibile picco previsto per Natale e i primi giorni del 2017. Consci dell’inefficacia di trattamenti antibiotici, gli esperti consigliano la prevenzione mediante la vaccinazione, disponibile a partire dai primi giorni di novembre. Oltre al vaccino, è sempre utile ribadire quanto una prevenzione naturale a base di una dieta leggera e l’adempire alle norme igieniche possa risultare fra gli strumenti più efficaci. Adeguare il proprio vestiario alle temperature, lavarsi le mani dopo le ore passate in luoghi pubblici, non per forza troppo affollati, o prestare attenzione all’igiene casalinga sono consigli ogni anno reiterati da medici ed esperti, specialmente rivolti a bambini ed anziani.
 
In ultimo, ricordiamo quanto sia dannoso cercare di contrastare i virus influenzali mediante un digiuno prolungato. Al contrario, uno studio risalente al 2000, pone fra gli alimenti consigliati in tali occasioni la zuppa di pollo, sostanza che risponde in maniera corretta agli effetti apportati dal virus, da coordinare preferibilmente ad una dieta a base di fibre vegetali e vitamina C.


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]