Traduzioni "quasi umane" su Google con l'algoritmo intelligente taglia-errori

29 settembre 2016 ore 11:45, Americo Mascarucci
Tradurre un testo in lingua straniera utilizzando il traduttore di Google potrebbe presto diventare molto più semplice, con una consistente riduzione degli errori.
Mountain View ha fatto sapere che ridurrà gli errori di traduzione dal 55 all’85% in diverse lingue grazie ad un nuovo sistema chiamato Neural Machine Translator, il quale sfrutterà le reti neurali e l’apprendimento automatico per rendere le traduzioni più precise. 
Una sorta di intelligenza artificiale all'ennesima potenza. 
Attualmente Google Traduttore sfrutta la tecnologia Phrase-Based Machine Translator, la quale traduce parole e frasi in maniera indipendente fra loro all’interno di un periodo, senza considerare la possibile relazione che esiste fra le singole parti.Questo spiega perché il più delle volte i periodi risultano sconnessi o addirittura senza senso e sta poi a chi usufruisce del servizio mettere in ordine l'intera frase.
Differentemente il nuovo sistema considera il periodo come una parte unica da tradurre. Il che significa che la traduzione dovrebbe risultare più lineare e comprensibile.

Traduzioni 'quasi umane' su Google con l'algoritmo intelligente taglia-errori
Il sistema è già in uso per una delle traduzioni più complicate, quella dal cinese all'inglese, con cui il Traduttore di Google si cimenta 18 milioni di volte al giorno. Nei prossimi mesi, spiega la internet company, sarà esteso ad altre lingue. 
Per valutare l'efficacia dello strumento smart i ricercatori hanno tradotto semplici frasi prese da Wikipedia e da articoli di giornale. 
Rispetto al modello precedente "GNMT riduce gli errori di traduzione di più del 55%-85% in parecchie delle maggiori coppie di linguaggi misurati con l'aiuto di un valutatore umano bilingue", Tuttavia in margini di errori non saranno eliminati del tutto, ma questo forse sarebbe pretendere l'impossibile.


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]