Raggi tragica, Becchi: “E' una giunta che sembra la prosecuzione del commissariamento Tronca"

29 settembre 2016 ore 12:36, Lucia Bigozzi
“Anziché coprire i buchi se ne aprono altri…”. “E’ una giunta che sembra la prosecuzione del commissariamento di prima e almeno fino a questo momento, non c’è discontinuità rispetto al passato, non vedo alcun cambiamento”. “E’ un peccato perché sull’assessorato al Bilancio un nome c’era e avrebbe rilanciato il Movimento: perché non tirarlo fuori?”. Tre passaggi del ragionamento sul caso Campidoglio che il professor Paolo Becchi, ex ideologo dei 5S, sviluppa nella conversazione con Intelligonews.

Dal Campidoglio esce anche il ragioniere generale. Cosa le dice l’ennesimo addio al sindaco Raggi?

"Dice che anziché coprire i buchi se ne aprono di altri, insomma le difficoltà invece di diminuire stanno crescendo e sarà sempre più difficile coprirli perché a questo punto molti si tirano fuori".

Raggi tragica, Becchi: “E' una giunta che sembra la prosecuzione del commissariamento Tronca'
Perché secondo lei le difficoltà stanno aumentando?

"Ma insomma… è una giunta che praticamente sembra la prosecuzione del commissariamento di prima e comincia a non dare affidamento, per cui una persona che ha una propria dignità e personalità preferisce non invischiarsi in una vicenda che ormai sta diventando quasi comica, per non dire tragica per i romani". 

Il sindaco Raggi ha detto che ci sono persone competenti all’interno dell’Amministrazione all’altezza del compito di assessore al Bilancio, ma la sensazione è che finora stia gestendo l’ordinaria amministrazione al punto che c’è chi si chiede se a questo punto non era meglio far restare il commissario Tronca. Qual è la sua valutazione?

"Secondo me è così. Al momento non si vede questa grande discontinuità, questa rottura col passato, la casta non esiste più, Roma ai romani … io francamente non sono romano mai i romani che conosco non hanno ancora notato questa grandissima trasformazione, questa novità del Movimento 5Stelle a Roma-. Certamente ci vorranno secoli per cambiare Roma, non lo metto in dubbio, ma i romani si sarebbero aspettati un piccolo cambiamento già nell’immediato ma questo cambiamento non c’è stato". 

Dunque, finora la Raggi come Tronca?

"Per il momento non c’è discontinuità rispetto al passato; non vedo alcun cambiamento. Dopo cento giorni dall’insediamento, la sindaca non è riuscita ancora a mettere le persone giuste nei posti giusti e questo fatto dà un segno di insoddisfazione. Sarà sempre più difficile occupare questi spazi ed è un peccato, perché sull’assessorato al Bilancio un nome c’era e quindi perché non tirarlo fuori? Sarebbe stato un nome che avrebbe rilanciato l’intero Movimento". 

La Raggi ha detto che in settimana ci sarà il nome dell’assessore al Bilancio: sarà la volta buona? 

"E chi lo sa? Come mai ha preso l’incarico ad interim? Se si tratta di pochi giorni poteva evitare di assumere l’interim e dire: tranquilli, io ho già il nome in canna e i prossimi giorni ve lo sparo. Qui, invece, si continua a dire che è tutto risolto e mi pare che non sia risolto assolutamente niente. Il dato di fatto saliente è che abbiamo già due assessori al Bilancio bruciati, un terzo che si è tirato indietro all’ultimo momento… Insomma, diciamolo francamente: se questa è la novità che avanza del M5S ve l’immaginate un governo nazionale 5Stelle come prima cosa cambia il ministro dell’Economia quattro-cinque volte nel giro di tre mesi, come andrebbe avanti la situazione in Italia? Mah, non lo so…".
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]